DIDATTICA GREEN….

Le piante possono essere utili al distanziamento sociale nelle aule scolastiche?

Sembra di sì e in Trentino Alto Adige stanno sperimentando proprio questa soluzione “green” per la ripresa della scuola a settembre.

L’idea di distanziare le persone tra di loro separandole con delle piante non è del tutto nuova.

Anche a scuola potrebbe essere piacevole, per gli studenti di ogni età, essere circondati da un po’ di verde con lo scopo principale, non tanto di abbellire le aule, quanto di aiutare gli studenti a rimanere ad una distanza di sicurezza minima per evitare contagi. A pensare a questa soluzione alternativa, basata sull’utilizzo di piante ornamentali nelle aule, è la professoressa Beate Weyland della Facoltà di Scienze della Formazione di Bressanone che sta per svolgere la simulazione in diverse scuole del Trentino Alto Adige.

Il progetto prevede l’inserimento di piante ‘avatar’ tra i banchi di scuola, di cui ogni allievo sarà responsabile e che avrà modo di curare. Queste piante offrono l’occasione di realizzare un distanziamento naturale e possono trasformarsi in strumenti di educazione alla cura e alla salvaguardia del nostro pianeta. Inoltre è stato provato scientificamente che la presenza di piante in un ambiente di apprendimento è benefica non solo per l’umidificazione e il ricambio dell’aria, ma anche perché favorisce l’attenzione e la concentrazione dei bambini.

Insomma, non solo distanziamento sociale ma diversi altri benefici per gli studenti alle prese con la natura anche in classe.

Gaia Lupattelli
©RIPRODUZIONERISERVATA 

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...