Si stimano oltre 2 miliardi di mascherine usa e getta nell’anno scolastico: ma come si smaltiscono?

Sono più di 135 milioni le mascherine chirurgiche consegnate nelle scuole italiane. Lo ha annunciato nei giorni scorsi il Ministro all’Istruzione Lucia Azzolina. Non tutte le Regioni le hanno ancora ricevute. Come riporta il sito dedicato esclusivamente alla distribuzione delle mascherine, 24 milioni di esse sono state consegnate in Lombardia, 15 milioni nel Lazio, 12 in Campania, 11 in Sicilia, 10 in Veneto ed Emilia Romagna. Seicentomila mascherine sono state distribuite in Molise e 300mila in Valle d’Aosta. Le mascherine, consegnate a studenti e personale scolastico, sono usa e getta come stabilito dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS), che ha anche stabilito che, con il rispetto del metro di distanza, si potranno abbassare. Le mascherine verranno distribuite per tutto l’anno scolastico e si stima un numero di mascherine non riciclabili, ma usa e getta, che supererà due miliardi e 200mila euro.

Ma una volta che ogni scuola ha ricevuto le mascherine ed ogni studente l’ha utilizzata, come si smaltiscono?

La domanda è di per sè un problema. Lo smaltimento complessivo aggraverà le operazioni di smaltimento. Con il rapporto n.26/2020 del 18 maggio, l’Istituto Superiore di Sanità, ha dato delle utili indicazioni per lo smaltimento delle mascherine nei luoghi di lavoro, dunque anche per le scuole. I contenitori, che devono specificare la raccolta di mascherine usate, dovrebbero, preferibilmente, essere situati in prossimità delle uscite, così da prevenire percorrenze di spazi comuni, come corridoi, scale o ascensori, senza mascherina o guanti e senza possibilità del distanziamento fisico. I contenitori dovranno garantire un’adeguata aerazione per prevenire la formazione di potenziali condense e conseguente potenziale sviluppo di microrganismi, e collocati preferibilmente in locali con adeguato ricambio di aria e comunque al riparo da eventi meteorici.

Prima della chiusura del sacco, il personale dedicato deve provveda al trattamento dell’interno del sacco mediante spruzzatura manuale di idonei prodotti sanificanti. Solo una volta chiuso con nastro adesivo o lacci può avvenire il prelievo del sacco di plastica che sarà conferito tra I rifiuti urbani indifferenziati, e come tali conferiti allo smaltimento diretto secondo le regole vigenti sul territorio di appartenenza.

Mirna Ventanni

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...