Supplenze: secondo giro di convocazioni, nomine da graduatorie di istituto, anche MAD

Fonte: Orizzonte Scuola – 12 ottobre 2020

Dopo il flop delle immissioni in ruolo da GM2016, GM2018 e GAE effettuate con procedura telematica che hanno visto un totale di 18.154 assunzioni su 84.808 totali previste e annunciate dal Ministero dell’Istruzione e autorizzate dal MEF si aggiunge, ora, il problema supplenze da GPS. La scelta di rendere immediatamente definitive le GPS senza passare per la fase transitoria delle GPS provvisorie che consentivano la correzione delle anomalie mediante la procedura dei “reclami” da parte dei diretti interessati ha generato dei problemi di gestione per tutti gli operatori coinvolti. Infatti, come noto, una volta che le graduatorie – comunque denominate – sono definitive l’unico metodo di correzione è quello giurisdizionale al TAR e, successivamente al Consiglio di Stato, con tutte le conseguenze da ciò derivanti. Una di queste è, certamente, quella del problema di assegnazione delle supplenze che sono state obbligatoriamente ritardate sui tempi previsti, anche per la mancanza di risposte alle domande degli aspiranti da parte degli UST. Il caso estremo è quello denunciato dal Governatore dell’Emilia-Romagna dove per i 15.000 posti si sono avute 90.000 “rinunce”. In alcune regioni, poi, è stato deliberato il rinvio dell’inizio ufficiale dell’anno scolastico che ha avuto come conseguenza il ritardo nelle nomine da parte degli UST territoriali almeno per una parte degli istituti. Tutto ciò ha generato problemi di organizzazione delle scuole da parte dei Dirigenti che si sono visti costretti, loro malgrado, ad organizzare orari di lezione ridotti a tre o quattro ore massimo al giorno per una forte carenza nel corpo docente (anche del 30% – 40%) fin dall’inizio delle lezioni. Molti UST stanno procedendo in questi giorni a un secondo giro di convocazioni per aspiranti in GPS di seconda fascia in presenza, almeno in alcuni casi, in quanto gli aspiranti in GPS di prima fascia e molti di quelli in seconda convocati nel primo “turno” non hanno accettato la proposta di assunzione per i motivi più disparati, non ultimo il problema del virus e la lontananza da casa che impone sacrifici supplementari che non tutti possono permettersi.

Redazione

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...