Figli dei sanitari, disabili ma anche ragazzi senza pc per loro la scuola riapre

Il Messaggero – 19 novembre 2020

Le scuole superiori restano aperte per accogliere in presenza gli studenti che non possono fare altrimenti. Eì il caso dei figli dei medici e dei ragazzi disabili, per i quali la classe può restare aperta. Se le lezioni online si stanno dimostrando utili per fronteggiare l’emergenza, è anche vero che stanno mostrando tutti i loro limiti, a cominciare dalle attività che possono essere solo  svolte in presenza, come quelle di sostegno ai ragazzi con disabilità. PRIMA ONDATA Nella prima ondata troppi studenti sono rimasti senza supporto ma oggi non è accettabile che uno studente in difficoltà resti solo davanti ad uno schermo. E così le norme cambiano. Dopo il Dpcm del 3 novembre il ministero dell’istruzione ha emanato una nota operativa con le indicazioni per garantire a tutti il diritto allo studio. Per i casi di disabilità soprattutto nelle scuole medie è previsto che possono frequentare la lezione in presenza. Il dirigente scolastico può organizzare dei turni per far frequentare le lezioni in presenza al ragazzo con disabilità, insieme ad un gruppo di compagni: «Un gruppo di allievi della classe di riferimento si legge nella nota che potrà variare nella composizione o rimanere immutato, in modo che sia costantemente assicurata quella relazione interpersonale fondamentale per lo sviluppo di un’inclusione effettiva e proficua, nell’interesse degli studenti». E’ possibile recarsi a scuola ai figli del personale sanitario come medici, infermieri e assistenti, facendo espressa richiesta al preside che potrà attivarsi in collaborazione con gli altri docenti. Si possono svolgere in presenza i percorsi che prevedono esercitazioni pratiche e di laboratorio, purché formalmente contemplate dai vigenti ordinamenti e nel rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza. E’ contemplata anche la possibilità di portare avanti anche i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, vale a dire la ex alternanza scuola lavoro, sempre nel rispetto delle misure di sicurezza dal distanziamento all’utilizzo delle mascherine.

Redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...