Stipendi scuola, aumento stipendiale in vista per i docenti: fino a 160 euro

Fonte: orizzonte scuola – 30 novembre 2020

Aumento di stipendio in vista per i docenti italiani. Così come scrive Il Sole 24 Ore, il mondo della scuola dovrebbe beneficiare di un discreto aumento in busta paga. Oltre ai 400 milioni già previsti dalla manovra 2021, al momento gli insegnanti andrebbero 92-93 euro di aumento contrattuale medio (60 netti) più altri 100 euro (ma solo fino a 28mila euro di redditi) derivanti dal taglio all’Irpef che viene rifinanziato dalla stessa legge di bilancio. La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha già dato disposizione ai suoi tecnici di definire il provvedimento e punta a completare l’atto di indirizzo (per l’Aran) entro gennaio. Secondo il ministero attraverso la doppia operazione del rinnovo Ccnl e del taglia-cuneo (in vigore dal 1° luglio) per un gran numero di docenti si raggiungerebbe l’aumento a tre cifre, promesso da Marco Bussetti prima, da Lorenzo Fioramonti poi, e rinnovato dall’attuale governo Conte. Gli aumenti saranno diversi da caso a caso. I docenti dell’infanzia fino a 25 anni di anzianità, della primaria fino a 20 anni, di medie e superiori con 15 anni di servizio hanno stipendi piuttosto bassi (sotto i 26.600 euro), e prendono, perciò, solo 20 euro aggiuntivi oltre ai 60 in arrivo con il rinnovo. I docenti con 35 anni di anzianità (una larga parte) hanno redditi di 36mila euro imponibili, che possono superare i 40mila: non traggono beneficio dal taglia-cuneo, che è calcolato sul reddito Irpef e non sulla retribuzione. Per loro, dunque, l’impatto del rinnovo si sostanzierà in 60 euro netti in più al mese.

Abstract articolo di redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...