Cosa sono le emozioni secondarie, quali intercorrono tra studenti e insegnanti: riconoscerle e ascoltarle

Fonte: orizzontescuola.it – 3 Dicembre 2020

Oggi tutti parlano di emozioni, e le competenze emotive sono molto valorizzate anche nel mondo della scuola, grazie all’insistenza sulle Life Skills e sul valore dell’intelligenza emotiva. Non è sempre stato così: c’è un lungo cammino della psicologia, della pedagogia e prima ancora della filosofia, per arrivare a parlare di emozioni in maniera così disinvolta come facciamo oggi. Eppure ci sono ancora molte convinzioni radicate che ormai non reggono alla prova della ricerca neuroscientifica, psicologica, e ad un’osservazione realmente attenta del nostro comportamento, a scuola come nella vita quotidiana. Sappiamo oggi ad esempio che quando decidiamo di acquistare un prodotto la valutazione cognitiva (i pro e i contra) arriva molto dopo quella rapidissima e potente del nostro cervello emotivo (il cosiddetto paleoencefalo), che in pochi millisecondi ha già preso la sua decisione. Di fronte a una forza così dirompente delle nostre dimensioni emotive ci domandiamo: è possibile controllare le nostre emozioni? Ha senso parlare di persone più o meno emotive? Le emozioni sono nemiche dell’apprendimento? E poi: siamo sicuri di conoscere a fondo le nostre emozioni? Può accadere che le un’emozione ne nasconda un’altra? Partiamo dal principio: come molti sanno dobbiamo a Paul Eckman, tra gli anni Settanta e Ottanta del Novecento, la “scoperta” di emozioni universali, frutto di una lunga indagine transculturale che ha riscontrato alcuni modi archetipici, sempre uguali di esprimere il proprio vissuto interno: paura, gioia, disgusto, rabbia, disprezzo, sorpresa, vergogna. Sono le cosiddette emozioni primarie.

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...