Insegnanti, studenti, ATA secondaria II grado dovranno essere pronti a cambiare orario da gennaio. Possibili turni pomeridiani

Fonte: orizzontescuola.it – 4 dicembre 2020

Il nuovo DPCM firmato dal Presidente Conte apporta delle novità per la scuola secondaria di II grado. Fino al 7 gennaio rimangono le modalità attualmente in atto, con modalità a distanza al 100% salva la possibilità di poter effettuare i laboratori in presenza e permettere la frequenza di alcune categorie di studenti. Si legge nel testo: “Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività siano svolte tramite il ricorso alla didattica digitale integrata e che, a decorrere dal 7 gennaio 2021, al 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l’attività didattica in presenza“. L’attività di laboratorio e di supporto agli studenti con disabilità e Bes rimane garantita in presenza. La novità che relativa al ruolo dei Prefetti, che avranno il compito di coordinare l’organizzazione del sistema del trasporto legato all’attività scolastica: “Presso ciascuna Prefettura-UTG e nell’ambito della Conferenza provinciale permanente”, si legge, viene “istituito un tavolo di coordinamento, presieduto dal Prefetto, per la definizione del più idoneo raccordo  tra gli orari di inizio e termine delle attività didattiche e gli  orari dei servizi di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano, in funzione della disponibilità di mezzi di trasporto a tal fine  utilizzabili, volto ad agevolare la frequenza scolastica anche in  considerazione del carico derivante dal rientro in classe di tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado”. Il premier Conte apre a ogni opzione di flessibilità: “Se ci saranno scuole che si renderanno disponibili a turni pomeridiani ben vengano. – ha affermato – Non possiamo da Roma governare la situazione della differenziazione degli orari di ingresso delle scuole e i trasporti. Siamo disponibili a un supporto ma alcune scelte chiedono modulazioni territoriali”. Sulla base delle criticità potranno essere individuate le soluzioni ritenute più adeguate, come lo scaglionamento degli ingressi, fino ad arrivare ai turni pomeridiani. Ricordiamo che la didattica digitale integrata rimane comunque una opzione sempre possibile. Insomma abbiamo un mese di tempo per capire come impostare la rimanente parte dell’anno scolastico.

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...