SOSTEGNO IL MASTER “METODOLOGIA DIDATTICA PER DSA” DI NOIDELLASCUOLA

Tra le molte emergenze della scuola italiana nel 2020 ce ne uno che non dipende dall’Emergenza sanitaria ma che il Covid ha di certo esarcerbato: la carenza di insegnanti di sostegno di ruolo. Gli alunni che ne avrebbero bisogno sfiorano – dati 2019/2020 – i 260mila, i docenti in grado di seguirli sono oltre 100mila in meno 150,00, con un rapporto, 1.72%, tra i più bassi tra i Paesi europei. Delle 14mila assunzioni previste, complici i ritardi nei concorsi dovuti alle norme di distanziamento sociale, appena 2500 sono state perfezionate, contro 60mila supplenti, con effetti negativi sui soggetti che avrebbero dovuto avvalersene, specialmente in tempi di didattica a distanza. Non è un caso se si è pensato di continuare la scuola in presenza per i ragazzi disabili e se tanti docenti guardano con interesse ai corsi di specializzazione, al TFA, nonostante sia un percorso selettivo, impegnativo e lungo. Una strada alternativa molto battuta sono i corsi di formazione che approfondiscono le competenze di Pedagogia speciale, la branca della Pedagogia che si occupa di persone con disabilità in età scolare. Un modo per diventare specialisti senza essere specializzati, se questo obiettivo rimane per tempi e logistica fuori portata. Noidellascuola propone un master particolarmente completo e generale per i docenti interessati al sostegno: Metodologie didattiche per l’integrazione degli alunni con Disturbi specifici di Apprendimento (DSA). I DSA sono i disturbi specifici dell’apprendimento, o delle abilità scolastiche come sarebbe più corretto dire: dislessia, sidgrafia, disortografia, discalculia, a cui alcuni aggiungono il disturbo del linguaggio e della manualità fine, la disprassia. Nell’ambito del sostegno rientrano le competenze per occuparsi dei soggetti con BES, bisogni educativi speciali, o disabilità di natura diversa come l’autismo. Il master di Noidellascuola è da 60 CFU, di primo livello universitario e prevede approfondimenti sulle discipline pedagogiche, Psicologia scolastica e psicologia clinica della disabilità, psicologia della disabilità e dell’integrazione. Per le discipline pedagogiche, la didattica del processo insegnamento-apprendimento, la pedagogia sperimentale e nello specifico l’inclusione scolastica, la didattica dei disturbi specifici dell’apprendimento con un approfondimento sulle pratiche didattiche per la scuola. E’ prevista una prova finale orale. Didattica ed esami in questo periodo solo on line a causa delle normative a contrasto dell’Emergenza Sanitaria.

Redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...