Legge di Bilancio e scuola: nuove assunzioni per insegnanti di sostegno, negli asili, per ATA e sostituzioni lavoratori fragili

Il 30 dicembre 2020 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la nuova legge di Bilancio 2021 (178/2020) che coinvolge in più aspetti anche il mondo della scuola. La legge in questione riguarderà appunto vari ambiti e, anche se vi è malcontento da parte dei sindacati che attendevano manovre più ampie e importanti, il provvedimento porta con sé comunque interessanti novità per coloro che vogliano affacciarsi alla professione di insegnante. La notizia di spicco riguarda il potenziamento dei posti sul sostegno con la previsione di assunzione di 25 mila unità nel triennio fino al 2024 con una prima tranche di 5 mila posti nell’anno in corso e successivamente di 11mila a decorrere dall’anno scolastico 2022/2023 e di altri 9mila posti dall’anno scolastico 2023/2024. Il concorso uscirà ogni due anni ma le graduatorie rimarranno aperte con la possibilità di integrare nuovi titoli conseguiti nel frattempo. È stato inoltre aumentato di 70 milioni, per l’anno in corso, il finanziamento alle scuole paritarie che accolgono alunne e alunni con disabilità. Novità anche per le assunzioni del personale ATA e personale della scuola dell’infanzia con l’innalzamento a 1000 delle assunzioni del personale tecnico Ata e con lo stanziamento di 1000 assunzioni di docenti scuola infanzia alla quale sono destinati 60 milioni di euro aggiuntivi per la fascia 0-6 anni. Importante far notare inoltre che cambiano le regole per il dimensionamento degli istituti scolastici: i numeri minimi di 600 studenti e 400 per le isole e le piccole comunità montane vengono abbassati a 500 e 300 dando così la possibilità di avere un maggior numero di capi istituto e di Dsga (direttori dei servizi sociali e amministrativi) a tempo pieno. Stanziati inoltre 53,9 milioni di euro destinati a posti per le sostituzioni di personale insegnante, Ata, animatori e educatori ad alto rischio Covid in quanto già affetti da altre patologie (lavoratori fragili). Altre misure introdotte saranno il potenziamento della digitalizzazione nella scuola con inserimento di animatori digitali nonché l’avvio di interventi di edilizia scolastica. Complessivamente comunque buone notizie per coloro che siano interessati ad inserirsi a vario titolo nel mondo della scuola o per coloro che vogliano migliorare la propria posizione attuale.

Ilaria Montenegri   

Articoli recenti

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...