Personale docente e scolastico che ha lavorato in presenza nel mese di marzo 2020: in arrivo il premio

L’art. 63 del DL 17 marzo 2020 n. 18 prevedeva un premio per gli insegnanti che avessero prestato servizio in presenza nel periodo di massima allerta durante in mese di marzo 2020 in occasione dell’emergenza epidemiologica SARS-COVID2. Il bonus ad oggi non è ancora stato erogato e non è presente sulla pagina personale di NoiPA degli insegnanti ma il Ministero ha comunicato che numerose scuole non hanno effettuato la rilevazione richiesta con la nota del 09/01/2021  e che per questo motivo saranno autorizzati solo i pagamenti a questo punto inseriti entro le ore 10 del 12 febbraio 2021. Nulla spetterà a coloro  che nel mese di marzo hanno svolto la propria attività lavorativa in telelavoro o in smart working, ovvero sono stati assenti per ulteriori motivazioni (ferie, malattia, permessi retribuiti o non retribuiti, congedi, ecc.). Il bonus va rimodulato in base agli effettivi giorni lavorati a marzo nella scuola e spetta a: docenti che hanno lavorato fino al 4 marzo, dirigenti scolastici che si sono recati a scuola durante la sospensione dell’attività didattiche (anche solo per parte del mese di marzo), personale ATA che si è recato a scuola per svolgere quelle individuate come attività indifferibili dai dirigenti scolastici (anche per parte del mese di marzo),DSGA che hanno lavorato in sede. L’importo massimo del premio ammonta  a 100 euro aggiuntive per il mese di marzo ma considerando che viene riproporzionato sui giorni di effettivo servizio prestato per molti diviene una cifra simbolica. Per ogni dipendente che ha diritto al bonus, sarà un solo istituto, in cui ha svolto servizio, a dover comunicare l’importo spettante al MEF\NoiPA, considerando nel calcolo anche i periodi di servizio in presenza effettuati a marzo 2020 presso altri istituti. Nel caso specifico in cui un dipendente abbia svolto nel mese di marzo 2020 sia servizi annuali (N02, N11, FIT, IRC) che supplenze brevi, l’importo totale del bonus dovrà essere rilevato a cura dell’istituto scolastico presso cui il dipendete ha svolto un servizio annuale. Va anche rilevato che ci sono alcune categorie di personale per le quali non è possibile, al momento, caricare i dati. Si tratta di: DSGA, Ata ex LSU assunti dal 1° marzo 2020, docenti collocati fuori ruolo, lavoratori che usufruiscono dell’art. 59 o 36 del CCNL.

Ilaria Montenegri

 

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...