Concorso straordinario, dal 14 maggio le prove suppletive

Fonte: orizzontescuola.it – 12 maggio 2021

Abstract articolo di Redazione

Al via Venerdì 14 maggio le prove suppletive del concorso straordinario per il ruolo. Le prove terminano giovedì 20 maggio e sono riservate a coloro che per causa Covid non hanno potuto partecipare alle prove scritte. Le prove sono limitate ai destinatari dei provvedimenti giurisdizionali favorevoli ai ricorrenti, noti all’Amministrazione alla data del 22 aprile 2021. In ogni caso il ministero ha però fatto sapere che ci saranno altre prove suppletive dopo il 20 maggio.

I candidati che abbiano presentato domanda per le regioni per le quali è stata prevista l’aggregazione territoriale delle prove, espleteranno le prove suppletive nella regione individuata quale responsabile della procedura concorsuale.

Lo spazio complessivo dove si trovano i locali destinati allo svolgimento delle prove selettive, deve disporre dei seguenti requisiti: dotazione di accesso riservato ai candidati, laddove possibile diversificati per l’ingresso e l’uscita; disponibilità di sufficiente area interna, con adeguata areazione naturale; disponibilità di un locale autonomo e isolato, ubicato prima dell’accesso alle aule concorso dei candidati, dove poter accogliere e isolare gli eventuali soggetti con sintomi insorti durante la prova (locale d’isolamento).

Gli ambienti adibiti allo svolgimento delle prove concorsuali, aventi dimensioni adeguate e caratteristiche di autonomia funzionale (aule concorsuali), devono essere dotate di postazioni operative costituite da banco e sedia, posizionate, se in numero maggiore di una, a una distanza di almeno 2,25 metri l’una dall’altra, in tutte le direzioni, e la cui posizione fisica va segnalata a pavimento, onde evitare il loro spostamento.

Nelle aule deve essere garantito un elevato livello di aerazione naturale.

I candidati possono accedere all’interno dell’area concorsuale solo uno per volta, consegnando un referto relativo ad un test antigenico rapido o molecolare e indossando (a copertura di naso e bocca) un facciale filtrante FFP2 senza valvola messo a disposizione dalla sede scolastica ospitante, mantenendolo sempre indossato, fino all’uscita (all’interno dell’area concorsuale, non è consentito l’uso di mascherine chirurgiche, facciali filtranti con o senza valvola o mascherine di comunità personali). Ovviamente si dovrà igienizzare le mani con il gel contenuto negli appositi dosatori posti all’ingresso.

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...