Scuola, maturità a Roma nei teatri e nelle palestre

Fonte: il Messaggero –12 maggio 2021

Abstract articolo Flaminia Savelli

Sotto i gazebo, nelle palestre attrezzate o nei teatri delle scuole “convertiti” in maxi aule. Così i maturandi del 2021 affronteranno gli esami di fine ciclo scolastico. Nelle scuole che hanno a disposizione il giardino, o in ampi spazi per assicurare la distanza di due metri le prove saranno all’aperto. Gli studenti contagiati, ma in buone condizioni di salute, sosterranno gli esami con la “video – interrogazione”.

La prova conclusiva avrà inizio il prossimo 16 giugno e anche per quest’anno, sono stati eliminati il primo e il secondo scritto. Sostituiti invece da un unico orale rafforzato che si svolgerà in presenza. Ecco perché alla commissione d’esame e agli studenti dovranno essere garantite tutte le misure sanitarie.

Per le bocciature si terrà conto dei disagi (…). Per i maturandi – e per gli studenti più piccoli che si preparano agli esami di terza media – è stato già fissato anche il calendario in caso di assenza causa Covid. Se lo studente è positivo ma in grado di partecipare all’esame, lo farà via web. Anche quest’anno sarà previsto l’arrivo a scuola 15 minuti prima della convocazione e l’uscita subito dopo aver svolto gli esami. Sarà necessario per tutti utilizzare la mascherina e si dovrà mantenere la distanza di almeno 2 metri dalla commissione. Al momento del colloquio, sarà consentita la presenza di un solo accompagnatore. Stessa misure anche per l’esame di terza media. Infine, la questione dei tamponi: i presidi delle scuole di Roma e del Lazio hanno già depositato la richiesta al governo di prevedere test rapidi prima dell’esame ad allievi, insegnanti e personale non scolastico se non ancora vaccinato. 

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...