SCUOLA: VERSO IL CONCORSO ANNUALE

Un concorso semplificato e, soprattutto, in programma ogni anno. È il sogno di ogni aspirante docente e chissà che non si possa sperare nella sua concretizzazione.

Se un timido passo verso la semplificazione è stato compiuto con il concorso STEM, per il secondo obiettivo fanno ben sperare le parole del ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. Il ministro anche recentemente è stato infatti chiaro, parlando testualmente di “procedure annuali quando il sistema sarà a regime”.

Un progetto, ha sottolineato, pensato per andare incontro alle esigenze dei precari storici e dei neolaureati.

Sembra che questa volta si possa dire di essere sulla strada buona. Il problema è che per passare dalle parole ai fatti sarà necessario modificare l’intera normativa. Non precisamente un’impresa da poco. Le modifiche introdotte per il Concorso Stem dimostrano comunque che è possibile muoversi in tempi rapidi e di certo rappresenta un precedente importante.

Del resto tre sono i pilastri del Piano di Ripresa e Resilienza: semplificazione, governance e reclutamento. Proprio sul tema del reclutamento dei docenti è intervenuto per esempio Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief.

“In futuro – ha affermato Pacifico – ci saranno concorsi annuali, che grazie ad Anief saranno semplificati anche per la scuola. Non più una prova scritta, ma un test e poi una prova orale per andare a misurare la preparazione. Però ancora una volta il sindacato ritiene che bisogna abbassare la soglia a 60 su 100 rispetto ai 70 su 100 previsti. Chi è idoneo dovrebbe avere la sufficienza”.

“Ci chiediamo perché la semplificazione valga ora solo per il settore STEM e non per tutte le classi di concorso” si chiede il sindacalista, per il quale si deve assicurare il diritto di tutti i cittadini ad accedere ai concorsi pubblici, garantendo allo stesso tempo di avere i migliori insegnanti in cattedra”.

Ce lo chiediamo anche noi, ma, come già evidenziato, vogliamo vedere nelle novità introdotte per il concorso relativo alle materie scientifiche un primo passo. E chissà che presto resti un ricordo il paese in cui i neolaureati dovevano spettare qualche lustro per l’indizione di un nuovo concorso.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale. Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...