LA SCUOLA RICORDA LO STUDENTE DEL MALI ANNEGATO CON LA PAGELLA

A San Benedetto del Tronto installata una pietra d’inciampo a scuola in ricordo del ragazzo del Mali annegato in mare con una pagella cucita nella camicia.

“Qui aspettavamo il giovane del Mali morto annegato il 18 aprile 2015 portando una pagella sul cuore. Ogni insegnante giusto lo avrebbe accolto”.

Ecco le parole impresse sulla pietra di inciampo posizionata all’entrata della scuola media Curzi di San Benedetto del Tronto:

“la pietra è dedicata alla storia di un ragazzo africano che stava per sbarcare con una pagella cucita all’interno della camicia, il ragazzo è annegato in mare.”

Una storia che fa riflettere sul tema dell’immigrazione e così la professoressa Catia Cicchetti ha deciso di realizzare quest’opera insieme ai ragazzi della 3a C. Ma non solo, all’interno della scuola viene anche installata una teca con la scritta “Se sei un bambino e non vinci la lotteria geografica la tua vita nel tuo Paese è a rischio. E allora… allora, morire o partire, partire e morire, forse partire e arrivare, sognare, vivere, giocare, studiare”.

Le installazioni sono state inaugurate alla presenza del sindaco Pasqualino Piunti e della dirigente dell’Isc Centro Laura D’Ignazi, e i ragazzi dell’orchestra dell’indirizzo musicale hanno suonato una serie di brani.

Alla vicenda è stato dedicato anche un cortometraggio “Fiori dal deserto”, realizzato dai ragazzi assieme agli insegnanti Riccardo Massacci, Catia Cichetti e Vincenza Marchegiani che è stato premiato al Romics, il Festival Internazionale di Roma del Fumetto, Animazione, Cinema e Games.

Ilaria Montenegri

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...