Scuola: un posto al nido costa mediamente 8.000 € l’anno, ecco i numeri

Fonte: www.miuristruzione.it – 1 luglio 2021

Abstract articolo di Redazione

Tantissime sono le famiglie che per sostenersi devono rimboccarsi le maniche ed essere in grado di assicurare minimo due stipendi per portare avanti la famiglia.

Le spese per tutte le famiglie italiane sono davvero tante, e ancor di più lo sono per chi riceve un salario minimo e si ritrova a dover usufruire dell’asilo nido per i propri bambini. Sembra quasi un lusso permettersi l’asilo nido e per tal e motivo Emmanuele Pavolini, intervenuto nell’ambito dell’incontro organizzato da rete EducAzioni, in dialogo con il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e la sottosegretaria al MEF Maria Cecilia Guerra, ci tiene a trattare tale argomento.

Secondo Emmanuele Pavolini, è necessario inquadrare il sistema integrato 0-6 nell’Istruzione e garantire un target minimo di copertura in tutte le Regioni, sebbene il PNRR dà ampio spazio agli investimenti per i servizi educativi per la prima infanzia, occorre offrire più copertura dei servizi non deve essere il 33% come media nazionale, ma bensì il 33% in tutte le regioni.

Più risorse costanti per la gestione dei servizi e l’accesso gratuito o semi-gratuito agli stessi sostiene il professore Pavolini e afferma che al momento la prima criticità riguarda l’istituzionalizzazione del sistema integrato 0-6, un sistema restato inapplicato, e che è necessario ideare un centro apposito che si occupi di monitorare la realizzazione del sistema integrato.

Inoltre Pavolini sostiene che nel piano si specificava che la copertura doveva essere quella del 30% o 33%, con omogeneità sul territorio nazionale, ma nell’ultima versione del Pnrr forse è venuta meno questa ambizione.

I 4,6 miliardi previsti per tali progetti non bastano, ma occorre recuperare un fondo per i costi di gestione, in quanto il costo per un asilo nido costa 8 mila euro all’anno, è impensabile che le famiglie riescano a sostenere tali costi. Anche il Ministro Bianchi a tal proposito è intervenuto affermando che occorre rompere gli schemi cambiando il modo di fare scuola dall’infanzia in poi.

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...