Le Regioni: a scuola solo col green pass se c’è un focolaio

Fonte: Corriere della Sera – 21 luglio 2021

Abstract articolo di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini

Green pass obbligatorio anche per la scuola, come per stadi, grandi eventi sportivi, discoteche, congressi. Per seguire le lezioni in presenza in caso di focolaio la proposta dei governatori in vista del decreto che sarà approvato entro giovedì è questa.

«Raccomandazione alla vaccinazione per il personale scolastico e universitario, sia docente che tecnico-amministrativo prevedendo che in caso di focolai a scuola possa seguire le lezioni in presenza soltanto chi ha il green pass» ma anche «estensione dell’obbligo di certificazione verde modulato sulla base del contesto epidemiologico territoriale, però sempre previsto per grandi eventi sportivi e di spettacolo; discoteche; fiere e congressi». Sono le indicazioni dei governatori emerse nel corso della riunione convocata dal presidente Massimiliano Fedriga in vista del decreto che il governo deve approvare per fronteggiare l’aumento dei contagi causati dalla variante Delta.

Vaccini a scuola

I governatori chiedono di superare la didattica a distanza prevedendo «una forte raccomandazione alla vaccinazione per il personale scolastico e universitario, sia docente che tecnico-amministrativo». E se si crea un focolaio «prevedere la prosecuzione dell’attività scolastica e universitaria in presenza per i soli soggetti in possesso della certificazione verde».

Più dosi Pfizer

Le Regioni vorrebbero intensificare la campagna di vaccinazione «nella fascia di età 12-18 e più in generale under 30» e per questo chiedono «di rendere maggiormente disponibili dosi di vaccino Pfizer e Moderna». Un’istanza che riguarda anche la possibilità di incrementare le somministrazioni «contemplando l’immunizzazione della fascia di età over 60, considerata la scarsa propensione di detta fascia a vaccinarsi con le dosi Astrazeneca».

Green pass

I presidenti delle regioni non sono contrari all’obbligo di green pass per partecipare a numerose attività. Chiedono di prevedere misure diverse basate sulla classificazione delle zone, ma sempre per stadi, discoteche ed eventi.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...