PIANO SCUOLA: SARA’ LA VOLTA BUONA?

Minaccia di sciopero su precari e classi pollaio e braccio di ferro tra i partiti sui nodi cruciali, in vista degli incontri dei prossimi giorni sul piano scuola. Infine l’ennesimo appello dei presidi, perché possano contare su indicazioni definitive per poter organizzare il ritorno in classe. Insomma, dopo oltre un anno di pandemia, tutto sembra essere tornato nella “normalità” di un paese destinato a essere governato all’insegna dell’emergenza.

LE SCADENZE

Per l’ennesima volta si apre quella che dovrebbe essere la settimana decisiva per le disposizioni su vaccini, trasporti e distanziamento. Ma, ovviamente, sul fatto che sia la volta buona nessuno ci scommetterebbe.

Entro mercoledì il Governo dovrebbe licenziare il pacchetto di norme per la gestione dell’apertura dell’anno scolastico. A metà settimana è previsto infatti l’incontro con le Regioni che, per la cronaca, sono sul piede di guerra anche sulla questione del green pass. Quindi si dovrà riunire il Consiglio dei ministri, per licenziare finalmente il pacchetto di norme. Andamento dei contagi a parte, fattore che potrà condizionare le scelte, per i restanti problemi cronici della scuola, a un mese dalla riapertura delle lezioni tutto è però in alto mare e quindi non ci si può aspettare miracoli.

L’APERTURA DELLA CGIL

Intanto la novità è l’apertura della Cgil rispetto all’introduzione del green pass nelle aziende. E’ stato lo stesso segretario generale, Maurizio Landini, a rivolgere l’invito a vaccinarsi. In merito al green pass il sindacato si è espresso comunque contro l’introduzione di sanzioni. Come sottolinea giustamente latecnicadellascuola.it, introdurre l’obbligo vaccinale senza prevedere una sanzione per chi non ottempera alla disposizione, non è una questione semplice da risolvere. Molto in ogni caso dipenderà dai numeri reali dei docenti vaccinati.

Se, come sembra, la percentuale è elevata, il problema avrà minore rilevanza e sarà più facilmente gestibile. Speriamo solo che questi benedetti dati, che per ora restano un’incognita, non arrivo… ad anno scolastico ultimato.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...