ELEZIONI, SULLA SCUOLA BALLETTO DI PROMESSE

E’ una gara a chi fa le promesse più grandi sulla scuola questa calda e generosa come non mai campagna elettorale.

Intanto però gli istituti non possono contare sul personale amministrativo sufficiente per riuscire a disbrigare le pratiche per ottenere quei pochi fondi a disposizione.

Il Governo è caduto solo da appena poche settimane ma, se si traducessero in realtà la metà dei provvedimenti promessi dai partiti in lizza, avremmo:

  • gli insegnanti più pagati,
  • edifici da sogni
  • un percorso formativo che sfornerebbe scienziati a non finire.

E mentre si assiste a questa gara a chi, permettetecelo, le spara più grosse, il rischio è che non vengano approvati in tempo i decreti attuativi necessari per rendere applicabili i provvedimenti licenziati dal Parlamento, riforma del percorso formativo compresa.

Ma la preoccupazione più grande è relativa alla montagna di beghe burocratiche che le segreterie saranno chiamate a disbrigare a inizio anno scolastico. Alle pratiche ordinarie, che sono già per se stesse una bella montagna, vanno aggiunte le procedure previste per la richiesta dei fondi straordinari messi a disposizione anche attraverso il Pnrr.

A lanciare l’allarme è stato nei giorni scorsi il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli:

“Le scuole, per sfruttare al meglio gli ingenti fondi erogati, devono poter disporre di personale preparato. Le segreterie delle nostre scuole sono spesso sguarnite di DSGA e non possono contare su un sufficiente numero di assistenti amministrativi. Peraltro, alle funzioni di questi ultimi è spesso adibito altro personale, magari volonteroso ma non adeguatamente formato”.

Se questa è la situazione, speriamo che tra tante promesse ci sia quella relativa allo snellimento delle lunghe e complicate procedure burocratiche.

Non è che i presidi ci crederanno, ma potranno almeno fare finta di crederci per la pausa estiva e concedersi così qualche settimana spensierata prima di un rientro a scuola da incubo.

Direttore Dott. Alberto Barelli

Articoli recenti

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Legge 104: come cambia la normativa da agosto 2022

Cambia la normativa legata ai permessi della Legge 104 e al congedo straordinario. Lo scorso 5 agosto, l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui informa della pubblicazione del decreto legislativo del 30 giugno 2022, n. 105, sull’attuazione della direttiva (UE)...

Piano Scuola 4.0

Piano Scuola 4.0

Dal PNRR oltre 2 miliardi per 100 mila classi innovative e laboratori per le professioni digitali Un programma di innovazione didattica per avere lezioni più interattive e studentesse e studenti più coinvolti. È il “Piano Scuola 4.0”, uno stanziamento di 2,1 miliardi...

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

10.000 POSTI PER PERSONALE ATA

Ben 10.116 nomine in ruolo per il personale ATA. Chi ha i titoli deve quindi attivarsi per presentare l’istanza, la cui scadenza è prevista per il 16 agosto. CHI HA DIRITTO A PRESENTARE LA DOMANDA: Le istanze per le immissioni in ruolo possono essere presentate da chi...

Esami di riparazione: No al Bignami

Esami di riparazione: No al Bignami

Arrivano TikTok e YouTube Manca meno di un mese agli esami di riparazione per la scuola secondaria di secondo grado. Per gli studenti che devono recuperare il debito si è aperta pure la stagione della ripresa dello studio, tenendo però sempre pronti, oltre ai libri,...