TFA sostegno VIII ciclo, preselettiva: in cosa consiste e come si supera. Dal 4 luglio

Il MUR, con il DM n. 694/2023, ha autorizzato l’avvio delle procedure per lo svolgimento dell’VIII ciclo di TFA sostegno. Preselettiva: come si articola, su cosa verte, chi la supera e chi non la svolge.

Normativa

Come detto, il Ministero dell’Università e della Ricerca ha pubblicato il DM n. 694/2023 che autorizza l’avvio dei percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità nella scuola dell’infanzia, nella scuola primaria, nella scuola secondaria di I grado e nella scuola secondaria di II grado. 

Con il DI n. 691/2023, invece, il Ministero dell’Istruzione e quello dell’Università hanno disciplinato la riserva di posti (fissata al 35%) destinata ai soggetti di cui al comma 2 dell’art. 18-bis del decreto legislativo n. 59/2017. Ecco chi riguarda e come funziona la predetta riserva (i docenti interessati non svolgono la preselettiva).

Prove d’accesso

Per accedere ai percorsi di specializzazione su sostegno, gli interessati devono superare le previste prove d’accesso:

  1. test preselettivo (è superato da un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nel singolo Ateneo. Sono inoltre ammessi alla prova scritta gli aspiranti che conseguano lo stesso punteggio degli ultimi degli ammessi) 
  2. una o più prove scritte ovvero pratiche (la prova è superata con un punteggio minimo di 21/30. In caso di più prove, la valutazione è ottenuta dalla media aritmetica della valutazione nelle singole prove, ciascuna delle quali deve essere comunque superata con un punteggio minimo di almeno 21/30);
  3. prova orale (è superata con un punteggio minimo di 21/30).

Preselettiva

Date

La prova preselettiva si svolgerà nelle date di seguito indicate:

  • mattina del 4 luglio 2023: prova scuola dell’infanzia
  • mattina del 5 luglio 2023: prova scuola primaria
  • mattina del 6 luglio 2023: prova scuola secondaria di I grado
  • mattina del 7 luglio 2023: prova scuola secondaria II grado

In cosa consiste e come si supera

Il DM n. 694/2023, riguardo alle prove d’accesso, rinvia  al decreto n. 92/2019, come modificato dal decreto n. 90/2020. In base alla predetta normativa:

  • il test preselettivo è costituito da 60 quesiti, formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne individua una soltanto;
  • almeno 20 dei suddetti quesiti devono verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana;
  • riguardo alla valutazione dei quesiti, sono attribuiti 0,5 punti per ciascuna risposta corretta, mentre sono attribuiti punti 0 (zero) per ciascuna risposta errata o non data;
  • il test preselettivo è superato (per cui si accede alla prova scritta) da un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nel singolo Ateneo; è inoltre superato da coloro che, all’esito del medesimo test, abbiano conseguito lo stesso punteggio dell’ultimo degli ammessi;
  • Il punteggio conseguito nel test preselettivo non è computato ai fini della predisposizione della graduatoria degli ammessi al corso.

N.B. I candidati esonerati dalla prova preselettiva di cui ai precedenti commi sono ammessi direttamente alla prova scritta in deroga al limite di posti  indicati dal bando.

Tematiche

Il succitato DM n. 92/2019, riguardo alle tematiche sui devono vertere le prove d’accesso, rinvia al DM 30 settembre 2011, nel cui articolo 6/1 leggiamo che le predette prove (preselettiva compresa) sono volte a verificare il possesso di:

  • competenze didattiche diversificate in funzione del grado di scuola;
  • competenze su empatia e intelligenza emotiva;
  • competenze su creatività e pensiero divergente;
  • competenze organizzative e giuridiche correlate al regime di autonomia delle istituzioni scolastiche.

I quesiti del test preselettivo, pertanto, verteranno sulle tematiche attinenti alle sopra riportate competenze, esclusi i 20 quesiti che saranno volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana da parte dei candidati.

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...