MODELLO “CAMPUS” PER IL NUOVO ISTITUTO TECNICO-PROFESSIONALE AL VIA A SETTEMBRE

Partirà a settembre la nuova formazione tecnologica e professionale. Dopo mesi di ‘gestazione’ l’ambizioso progetto voluto fortemente dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara diventa così realtà.


PUNTI CHIAVE DELLA RIFORMA
Il nuovo percorso prevede quattro anni di formazione, comprendenti l’apprendistato formativo. L’alternanza scuola-lavoro parte dal secondo anno, prevedendo almeno 400 ore totali.
Per rafforzare l’ambito pratico è previsto che una percentuale di docenti provenga dal mondo produttivo e professionale.
L’altro settore valorizzato è quello degli scambi internazionali, con la programmazione di visite e soggiorni di studio e stage all’estero.


ESAME FINALE
La verifica finale del percorso Its Academy è costituita da tre step: uno scritto, una prova teorico-pratica e un esame orale su un progetto di lavoro sviluppato nel corso del tirocinio formativo e dello stage aziendale. La condizione per poter essere ammessi alla verifica finale è la frequentazione dei corsi per almeno l’80% del totale, avendo ottenuto una valutazione par a un minimo di 6 al massimo di 10. Alla prova scritta sono assegnati massimo 30 punti e minimo 18; alla prova teorico-pratica fino a 40, con un minimo di 24. Il punteggio minimo dell’orale è 18, mentre il massimo è 30. La verifica finale è superata quando lo studente ha ottenuto almeno il punteggio minimo in ciascuna delle tre prove.


OBIETTIVO INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO


Obiettivo della riforma è creare un percorso efficace al fine dell’inserimento nel mondo del lavoro e superare così il deficit che fino a oggi continua a pesare sull’intero paese. Allo stesso tempo la speranza è di contrastare la dispersione scolastica e la disoccupazione giovanile.
Un rapporto solido con il mondo del lavoro sarà garantito dal miglioramento della qualità dell’istruzione e da una formazione rispondente alle specifiche esigenze e vocazioni produttive del territorio. La posta in gioco, come il ministro Valditara ha ribadito più volte, è il rilancio della filiera tecnico-professionale con una formazione in linea con gli sviluppi tecnologici e le nuove esigenze del mondo del lavoro.


MODELLO CAMPUS


Il modello è quello del “campus” della flessibilità didattica e organizzativa. Inoltre. Tale impostazione si concretizza proprio relativamente all’apprendistato lavorativo, attraverso l’integrazione dell’istruzione professionale statale, l’IeFp regionale e l’Its Academy.

Alberto Barelli

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...