Coding inserito tra i 24 CFU

Uno dei requisiti necessari per diventare insegnanti, è il possesso di 24 crediti formativi (CFU) sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.
Con un emendamento al decreto scuola, approvato dalla Camera il 3 dicembre 2019, però qualcosa è cambiato. Infatti, il coding è stato inserito tra le conoscenze e le competenze da acquisire per diventare insegnanti. Ma di cosa si tratta?
Il coding è considerata una “nuova lingua” che permette di “dialogare” con il computer per assegnargli dei compiti e dei comandi in modo semplice. Favorisce il pensiero in modo creativo e stimola la curiosità degli studenti attraverso quello che apparentemente può sembrare solo un gioco.

Non è chiaro se coloro che hanno già acquisito i crediti in passato, dovranno integrare tale argomento che riguarda la didattica digitale.

Ecco il testo dell’emendamento approvato:

“Nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, nonché nei corsi di laurea in scienze della formazione primaria, ovvero nell’ambito del periodo di formazione e di prova del personale docente, sono acquisite le competenze relative alle metodologie e tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding).
Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca sono individuati i settori scientifico-disciplinari all’interno dei quali sono acquisiti i crediti formativi universitari e accademici relativi alle competenze di cui al comma 1, nonché i relativi obiettivi formativi”.

L’ottenimento dei 24 CFU fino ad ora è stato uno dei requisiti richiesti per partecipare al concorso a cattedra e al tfa sostegno. L’acquisizione può avvenire nelle Università pubbliche e private.

Le materie dei 24 crediti formativi

Il requisito dei 24 cfu è previsto dal Decreto 616 del 2017. I crediti formativi devono riguardare almeno tre dei quattro seguenti ambiti disciplinari, con almeno 6 cfu per ognuno degli ambiti. Gli ambiti sono:

1) pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione;

2) psicologia:

3) antropologia;

4) metodologie e tecnologie didattiche.

In base alla norma è dunque possibile, per esempio, raggiungere i 24 cfu, scegliendo quattro materie da 6.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...