LA DIGITALIZZAZIONE DELLA DIDATTICA AL CENTRO DEL PIANO NAZIONALE DI RIFORMA

La digitalizzazione della didattica al centro del Piano nazionale di riforma 

E’ la didattica a distanza la risorsa su cui è incentrato il programma degli interventi per la scuola del Piano nazionale di riforma (Pnr), oggi al centro del tavolo del Consiglio dei ministri. 

Il Pnr è il documento programmatico che dovrà essere inviato a Bruxelles con l’illustrazione della strategia seguita per la realizzazione del Documento di economia e finanza.  

Per la scuola si è trattato di mettere a punto l’insieme degli interventi finalizzati a garantire la formazione assicurando il rispetto delle disposizioni sanitarie. Accanto al capitolo relativo all’edilizia scolastica, l’altro grande settore di intervento è costituito dalle opere finalizzate al potenziamento della didattica a distanza, anche con l’obiettivo di essere in grado di fronteggiare un’eventuale nuova emergenza sanitaria legata al coronavirus. A questo fine uno dei capitoli del piano è costituito dalla “teledidattica”, per la quale è prevista l’estensione a tutti gli istituti della fibra ottica. Nello specifico il Pnr prevede il collegamento gratuito per cinque anni, attraverso la fibra ottica a 1 Gbps. Per il raggiungimento di tale obiettivo sono stati stanziati 400 milioni, mentre complessivamente i fondi destinati alla scuola raggiungono i tre miliardi. 

L’innovazione didattica è la dimensione fondamentale per il rilancio del sistema di istruzione e il punto di partenza per porre gli studenti al centro della loro esperienza scolastica. – si legge nel testo – Quest’ultima deve però passare per una digitalizzazione intelligente”. E’ evidente come la didattica a distanza non sia più considerata uno risorsa emergenziale, ma lo strumento per garantire una scuola al passo con i tempi

©Alberto Barelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli recenti

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...