Rientro a scuola, ma non per tutti

Per due milioni di studenti oggi avrebbe dovuto essere il primo giorno di scuola, ma il condizionale è d’obbligo. La campanella ha suonato in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania e Puglia, ma non in tutte le scuole. L’avvio dell’anno scolastico in queste regioni, già slittato dal 14 al 24 settembre, ha visto rimanere chiusi numerosi istituti scolastici, non solo a causa dello sciopero indetto dai sindacalisti proprio per oggi, 24 settembre, e per domani, venerdì 25 settembre, ma anche per le votazioni che si sono svolte domenica 20 e lunedì 21 settembre. Molte scuole occupate dai seggi, infatti, lamentano difficoltà organizzative per la giusta e corretta sanificazione delle aule. Fatto sta che ad ora non è ancora chiaro quanti dei quasi 2 milioni di studenti siano entrati regolarmente in classe: in giornata, sicuramente, ci saranno dati più precisi.

Alcuni sindaci, per evitare caos ulteriore, avevano già emanato un’ordinanza che fissa il ritorno a scuola direttamente a lunedì 28 settembre. La decisione era stata presa sia per l’impossibilità di avere a disposizione gli istituti sedi di seggi elettorali, ma anche per problemi legati all’organizzazione del trasporto degli studenti. Per uno studente su cinque della regione Puglia, ad esempio, è stato modificato l’orario e il tragitto casa-scuola, ma questo è un disagio che si sta verificando anche nelle altre regioni.

La situazione resta talmente difficile in alcune aree della Campania che a Castellammare il ritorno sui banchi è stato fissato addirittura per il 1 ottobre. L’altra grande questione con cui stanno facendo i conti i dirigenti scolastici è l’organizzazione degli orari di ingresso scaglionati: tante famiglie, visto anche il problema legato al trasporto pubblico, dovranno organizzarsi autonomamente per accompagnare i figli a scuola in base ai differenti orari scolastici.

A pesare sulla già complicata situazione è stato anche gli scioperi indetti dalle organizzazioni sindacali per questi giorni.

 

Mirna Ventanni

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...