Elementari, la pagella si sdoppia voti a gennaio e giudizi a giugno

Fonte: La Repubblica, 25 settembre 2020

Il decreto del ministero introduce valutazioni “senza più numeri”, ma solo alla fine dell’anno scolastico Nel primo quadrimestre la votazione è in decimi.

Via i voti dalla pagella, anzi no. Vacilla la rivoluzione dell’eliminazione dei numeri e l’introduzione del giudizio. Il provvedimento, deciso durante il lockdown della scuola, prevedeva l’eliminazione dei i voti in decimi dalle pagelle degli alunni della scuola primaria. Ma ora la realtà è che la rivoluzione si è fermata, dal momento che la pagella del primo quadrimestre vedrà ancora registrati i voti. Il giudizio comparirà solo su quella di fine anno ma, accisano docenti e genitori, così sarà il caos. Antonello Giannelli, portavoce dei presidi (Anp), è netto: «Occorre un atto legislativo: la valutazione è un processo unico, non può essere fatta prima in numeri poi coi giudizi». Il disagio è talmente grande che il Movimento di cooperazione educativa invita alla disobbedienza: «Il nostro invito è a non usare i voti numerici — spiega responsabile nazionale Anna D’Auria — in alternativa chiediamo che i collegi dei docenti decidano, con una forzatura, di compilare solo la pagella finale dove sono previsti i giudizi. Nella complessità della riapertura della scuola in emergenza non possiamo dimenticarci dell’aspetto pedagogico: la valutazione non è estranea alla progettazione didattica». Rimediare è difficile e si tratta di una corsa contro il tempo. In attesa di una soluzione definitiva si attende il giudizio della commissione ministeriale, che si dovrà pronunciare entro ottobre con le indicazioni relative all’applicazione della nuova valutazione.

Ilaria Venturi

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...