Elementari, la pagella si sdoppia voti a gennaio e giudizi a giugno

Fonte: La Repubblica, 25 settembre 2020

Il decreto del ministero introduce valutazioni “senza più numeri”, ma solo alla fine dell’anno scolastico Nel primo quadrimestre la votazione è in decimi.

Via i voti dalla pagella, anzi no. Vacilla la rivoluzione dell’eliminazione dei numeri e l’introduzione del giudizio. Il provvedimento, deciso durante il lockdown della scuola, prevedeva l’eliminazione dei i voti in decimi dalle pagelle degli alunni della scuola primaria. Ma ora la realtà è che la rivoluzione si è fermata, dal momento che la pagella del primo quadrimestre vedrà ancora registrati i voti. Il giudizio comparirà solo su quella di fine anno ma, accisano docenti e genitori, così sarà il caos. Antonello Giannelli, portavoce dei presidi (Anp), è netto: «Occorre un atto legislativo: la valutazione è un processo unico, non può essere fatta prima in numeri poi coi giudizi». Il disagio è talmente grande che il Movimento di cooperazione educativa invita alla disobbedienza: «Il nostro invito è a non usare i voti numerici — spiega responsabile nazionale Anna D’Auria — in alternativa chiediamo che i collegi dei docenti decidano, con una forzatura, di compilare solo la pagella finale dove sono previsti i giudizi. Nella complessità della riapertura della scuola in emergenza non possiamo dimenticarci dell’aspetto pedagogico: la valutazione non è estranea alla progettazione didattica». Rimediare è difficile e si tratta di una corsa contro il tempo. In attesa di una soluzione definitiva si attende il giudizio della commissione ministeriale, che si dovrà pronunciare entro ottobre con le indicazioni relative all’applicazione della nuova valutazione.

Ilaria Venturi

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...