Scioperi e studenti in piazza: venerdì nero per la scuola. E sabato manifestazione dei sindacati

Fonte: Corriere della Sera, 25 settembre 2020

Gli scioperi animano il fine settimana del mondo della scuola. Anche oggi, venerdì 25 settembre, gli studenti scendono in piazza: a Roma i cortei sono divisi, davanti al Ministero in viale Trasimeno manifesterà l’Osa, la Rete degli studenti medi e l’Unione degli studenti universitari, invece, sarà a Montecitorio. Per domani, sabato 26 settembre, fuori dall’orario scolastico, si ritroveranno in Piazza del Popolo i genitori di “Priorità alla scuola” ai quali si sono uniti Cgil, Cisl, Uil, Gilda e Snals. “Non è il momento di ricorrere ad azioni di sciopero in questa fase, nella quale l’impegno si indirizza soprattutto a favorire il ritorno in sicurezza alle attività in presenza. – spiegano Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Rua, Snals e Gilda Unam – Questa la linea di comportamento seguita in questa circostanza, con la scelta di essere presenti alla manifestazione promuovendo la più larga partecipazione del personale scolastico. È invece il momento di fare scelte coraggiose per combattere disuguaglianze, dispersione, precarietà, destinando parte consistente dei fondi Next Generation Ue ai luoghi dove le prossime generazioni dovranno crescere e formarsi”.  Tutti, però, protestano per le stesse motivazioni: i ritardi e le mancanze di quest’anno scolastico.

Scioperi che si aggiungono ai già numerosi problemi che gravitano attorno alla scuola come I trasporti. E oggi, oltre allo sciopero dei Cobas della scuola c’è anche quello dell’Usb dei trasporti che incroceranno le braccia dalle 10 alle 17 e dalle 20 a fine servizio.

Non ci saranno, invece, i sindacati di base, sabato pomeriggio alle 15 in Piazza del Popolo a Roma, alla manifestazione indetta dai confederali.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...