Test rapidi salivari, un mezzo flop allo Spallanzani

Fonte: Il Manifesto, 25 settembre 2020

Servono test rapidi per le scuole, che siano di facile utilizzo e garantiscano il referto in pochi minuti. Un obiettivo, e una richiesta, che si fortifica soprattutto alla luce dell’aumento dei casi di positività registrato in questi giorni. Aumentano I positivi ufficiali, ma aumenta anche il numero di tamponi effettuati. Serve, però, velocizzare ancora di più la prassi. Per questo all’istituto “Spallanzani” di Roma i ricercatori hanno sperimentato altri test di cui hanno reso noti I risultati. I test salivari molecolari usano all’incirca la stessa metodologia dei tamponi naso-faringei ma su campioni di saliva, più facili da prelevare. Secondo lo “Spallanzani” il metodo funziona, ma si riesce ad esaminare “solo 8 campioni per volta, con tempi di analisi dei campioni di circa un’ora”. Dunque, per i ricercatori “il suo utilizzo è indicato soltanto in casi particolari, come per esempio la conferma urgente di positività riscontrate nel corso di test antigenici”. Questi ultimi non ricercano il virus ma i suoi antigeni, cioè le proteine che presenta all’esterno. Allo Spallanzani ne hanno testati due, entrambi salivari. Uno è accurato, ma richiede il trasporto in laboratorio. L’altro richiede pochi minuti e può essere effettuato ovunque. “Ai primi test effettuati sembrerebbe risultare meno performante rispetto al test molecolare standard”, dicono. Perciò questi test possono essere usati solo in operazioni di screening rapido e richiedono la conferma con il tampone. In conclusione: bisogna ancora aspettare test rapidi e certi.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...