È troppo tardi per diventare docente?

Negli ultimi mesi si è sentito molto parlare di concorsi e graduatorie provinciali per i numerosi posti vacanti protagonisti della scuola italiana di ogni ordine e grado.

Il concorso ordinario docenti, stabilito dal  Decreto Dipartimentale n. 499 del 21 aprile 2020, ha avuto come termine di iscrizione il 31/07/2020 e la finestra temporale per l’aggiornamento delle graduatorie provinciali per le supplenze si è chiusa il 06/08/2020. È quindi troppo tardi per aspirare alla docenza?

La risposta è no!

Molti aspiranti non sono riusciti a iscriversi poiché non erano a conoscenza dei requisiti minimi necessari stabiliti dal MIUR o per impedimenti temporali legati alle scadenze inderogabili.

Ma c’è ancora una possibilità per i giovani neo-laureati e per chi sta portando a termine il conseguimento di master e/o corsi singoli per avere accesso a una o per incrementare l’acceso a più classi di concorso. La messa a disposizione (MAD) è una candidatura spontanea e volontaria che può essere presentata in tutti gli Istituti scolastici italiani. Può essere inoltrata per diverse figure che compongono l’organico scolastico: docente, ITP, Assistente Tecnico, Assistente Amministrativo, Collaboratore scolastici, etc..

La MAD può essere presentata in ogni momento dell’anno, anche se determinati periodi possono essere più consoni, ed è presa in esame dalla scuola qualora non sia più possibile nominare dei supplenti dalle graduatorie d’istituto per esaurimento della stessa o per già totale impiego degli iscritti presenti.

Chi può presentare la domanda di Messa a disposizione?

Chiunque abbia un titolo di studio che gli dia diritto ad accedere a una determinata classe di concorso (cattedra, o tipo di posto se trattasi del personale non docente).

I titoli di studio che permettono di ricoprire un ruolo di insegnamento sono quindi riassumibili in :

Per la scuola dell’infanzia e primaria:

  • Laurea in Scienze della formazione
  • Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002

Per la scuola secondaria di I e II grado:

  • Laurea di Vecchio Ordinamento
  • Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento
  • Diploma accademico di II livello, Diploma di Conservatorio o di Accademia di Belle Arti
  • Diploma di scuola superiore conseguito presso istituti tecnici o professionali.

È quindi necessario avviare una valutazione accurata della propria carriera scolastica/universitaria. Consigliabile per gli aspiranti docenti che stanno inviando le MAD, anche se non obbligatorio, avere i 24CFU poiché introdotti dal DM 259/17 con lo scopo di uniformare la basi minime in ambito pedagogico, metodologico e didattico.

Tiziana Martinelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...