Caos scuola, un supplente su quattro rinuncia. E il 65% non accetta il sostegno

Fonte: Il Giorno – 1 ottobre 2020

Caccia ai docenti dopo il caos graduatorie. La denuncia: “Frenati dal Covid o dal reddito di cittadinanza?” Il provveditorato rafforza la task-force

A Milano ben il 65% dei docenti non ha optato per il sostegno, pur avendo i requisiti di tre anni di insegnamento alle spalle e in molti casi anche la specializzazione. Non è più roseo il quadro del posto comune alle elementari, per le quali, per le 1.500 cattedre vacanti si è arrivati al candidato numero tremila in graduatoria. A fornire i numeri è Massimiliano Bruna, segretario generale Cisl Scuola Milano, che spiega che su un totale di 5600 sono stati convocati fino a ieri in 3.100. Il totale delle accettazioni è stato di 800, cioè meno di un quarto.

Per raggiungere l’obiettivo della copertura di tutte le cattedre si dovrà passare alla seconda fascia, quindi alle graduatorie di istituto delle scuole.

Per il sindacalista è evidente che, al di là del problema covid, il meccanismo presenta dei problemi, tanto più che si tratta non di incarichi limitati a brevi periodi di tempo ma di un’occupazione fino al 31 agosto. “È ora che il fenomeno venga studiato. – spiega Bruna – I tempi si allungano ancora e a rimetterci sono le famiglie e gli studenti”. A subire le conseguenze maggiori sono gli studenti fragili: “Per il sostegno sono stati convocati 1.400 candidati e hanno accettato in 600 a fronte di 1.700 disponibilità. – sottolinea ancora – E quello che sta accadendo sul posto comune ci dice che non hanno rinunciato per prendere una cattedra”.

Simona Ballatore

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...