“Ha starnutito, fategli il test”. La follia sui bambini a scuola

Fonte: Il Giornale – 1 ottobre 2020

In attesa dei tamponi “rapidi” le famiglie vivono un incubo: “È assurdo. Non può andare avanti così tutto l’anno”

Ogni genitore lo sa bene e chi non ha bambini che vanno a scuola cerchi di immaginare ciò che vuole dire ritrovarsi a gestire i figli al tempo del Covid. Prima la chiusura delle scuole, quindi il distanziamento, ed ora il ritorno sui banchi di scuola.

Se si escludono i banchi monoposto, poche certezze sono arrivate dal Governo. A distanza di due settimane dal ritorno sui banchi i genitori sono alle prese con il caos legato all’impiego del tampone. In tutto il paese si susseguono i casi più diversi. Un episodio significativo è quello dell’attivazione del tampone per un bambino che aveva semplicemente starnutito.

Si sapeva che la procedura di tracciamento dei contagi avrebbe provocato problemi. Attualmente siamo arrivati a 116 istituti chiusi, mentre sono circa 700 le scuole nelle quali è stato registrato almeno un contagio. Ma il problema maggiore è costituito dai casi sospetti, dalle febbri o dai normali raffreddori. In questi casi per il ritorno a scuola è richiesto un certificato che attesti di non avere l’infezione e il fatto è che i pediatri possono sottoscriverlo unicamente in base all’esito del tampone. I bambini si ritrovano pertanto a dover restare a casa a lungo, soprattutto se sottoposti ai tamponi molecolari naso-faringei, per i quali i tempi sono ancora più lunghi.

Appena ieri il ministero dopo il nullaosta del Cts ha dato il via all’uso dei test antigenici (rapidi). Il risultato dovrebbe essere noto in un quarto d’ora, permettendo di evitare quarantene di massa. Il fatto è che la gara per l’acquisto di 5 milioni di pezzi è stata appena attivata.

C’è una questione con la quale fare i conti: sia i molecolari che gli antigenici prevedono l’utilizzo del tampone naso-faringeo, piuttosto invasivo in particolare per i bambini. C’è inoltre il rischio della rottura del tampone e di lesioni alla mucosa orale e faringea, oltre ai traumi psicologici. Un alto numero di tamponi potrebbe essere controproducente, pure se il risultato dovesse arrivare in un quarto d’ora.

Giuseppe De Lorenzo

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...