Un esercito di 506mila precari attende notizie sul Concorso Ordinario

Se la pubblicazione delle date del concorso straordinario per il reclutamento di 32mila insegnanti precari con almeno 36 mesi di servizio sono, ormai, già note e stanno scaldando questi primi giorni di autunno con manifestazioni, raccolte firme e tante critiche, c’è chi, con la stessa ansia dei colleghi, sta attendendo l’ufficializzazione delle date del secondo concorso previsto dal Ministero: ovvero quello definito “ordinario”. Numeri più alti in questo secondo caso, dunque maggior preoccupazione. Come annunciato dallo stesso Ministro Lucia Azzolina ormai da tempo, questo secondo concorso porterà in cattedra, entro settembre 2021, 45mila docenti. Le domande per la partecipazione dovevano essere inviate entro fine luglio, ma i numeri – soprattutto in questo periodo di emergenza Covid – spaventano. Sono, infatti, 506mila i candidati: 76mila di loro parteciperanno sognando uno dei 12,683 posti per la scuola dell’infanzia e primaria, 430mila, invece, sperano nei 33mila posti messi in palio per la scuola secondaria. Dal Ministero dell’Istruzione si percepisce la voglia di indire l’inizio di questo secondo concorso appena terminate le prove del primo: cioè a fine novembre. Ma i numeri sono talmente alti che sembra essere complicato trovare le aule e le scuole per l’organizzaione nel pieno rispetto delle sicurezza anti-Covid. Si crede sia possibile, e in parte è anche sperato dai diretti interessati, che il concorso ordinario possa essere rinviato. L’obiettivo del Ministero, però, è l’esatto opposto.

In attesa dei dati sui candidati al ruolo nelle scuola seondaria, si può già dare un’identità alle aspiranti maestre? Scriviamo al femminile perchè il 96% dei 76,757 candidati è donna (solo il 4% è uomo): una tendenza che per il Ministro Azzolina “va invertita”. I posti a bando sono 12.863. Il 41,5% dei candidati (ovvero 31.871) ha un’età compresa fra i 40 e i 50 anni; 24.856 di loro, invece, ha fra i 31 e il 39 anni; 10.683 candidati sono sotto i 30 anni d’età, mentre 9.347 hanno oltre i 50 anni. Lombardia, Lazio e Toscana sono le Regioni dove sono state presentate più domande: rispettivamente, 12.149, 9.868 e 8.114. La maggior parte dei partecipanti (il 44.2%) proviene dal Sud Italia (9.116 sono siciliani, 8.151 campani), il 33.6% dal Nord, il 22,1% dal Centro. Lo 0,1% proviene dall’estero.

Mirna Ventanni

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...