Supplenze organico Covid, i fondi non bastano: scatta l’allarme

Fonte: Tecnica della Scuola – 2 ottobre 2020

I fondi necessari per l’organico Covid non basterebbero. L’allarme è lanciato da Flc Cgil, ma anche Gilda interviene sull’argomento criticando il numero ridotto di supplenti d’emergenza. “Serve un provvedimento legislativo con cui si incrementino le risorse destinate a questa finalità”: gridano dalla Flc Cgil. “Dalle scuole – aggiungono i sindacalisti – ci giungono numerose segnalazioni. In particolare, i soldi non sarebbero sufficienti a coprire tutti gli oneri collegati alle supplenze (ad esempio le ferie, gli eventuali assegni al nucleo familiare) e non garantiscono la copertura di eventuali sostituzioni per lunghi periodi come maternità o congedi parentali, in quanto il budget assegnato per le sostituzioni è molto limitato e non consente sforamenti”. Inoltre, il sindacato ha chiesto al Ministero di prevedere “una proroga all’utilizzo dei fondi che erano stati stanziati al fine di sostenere la gestione della ripresa dell’attività didattica”.

Quanti sono i supplenti dell’organico Covid entrati in servizio fino ad ora?” lo chiede la Gilda degli Insegnanti a cui risulta che “anche su questo fronte si stiano registrando notevoli problemi” causati dai “ritardi nella pubblicazione delle Gps dovuti agli innumerevoli errori nell’assegnazione dei punteggi“, prosegue la Gilda che spiega come Gps e organico covid siano interconnessi perché “prima di accettare una supplenza su una cattedra che potrebbero perdere poco dopo, i docenti precari preferiscono aspettare la convocazione dalle Gps o dalle Graduatorie di Istituto”.

Fabrizio De Angelis

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...