Nessuna emergenza sanitaria per le scuole (almeno fino a dieci giorni fa)

Sembra scongiurata la chiusura delle scuole ma, di fronte ai dati sbandierati ieri dal ministro dell’istruzione Lucia Azzolina, ci sembra di poter osservare che c’è un dato di fatto sul quale nessuno ha posto la giusta attenzione. Il rilevamento dei contagi, che ha permesso al ministro di dipingere un quadro tutt’altro che allarmante, e, sia chiaro, ci auguriamo che possa valere anche per i prossimi mesi, si riferisce a ben dieci giorni fa. Ci permettiamo di osservare che dieci giorni non sono pochi. Il rilevamento, come è stato dichiarato, ha preso in considerazione il periodo che va dal 14 al 26 settembre. A quella data non solo i contagi non avevano registrato l’impennata che, purtroppo, si sta registrando oggi in tutto il paese ma, addirittura, in diverse regioni le scuole non erano ancora iniziate. Per carità, non può che far piacere che la situazione sia sotto controllo e quello 0,021%, di percentuale dei contagiati tra gli studenti resta una bellissima notizia. Resta il fatto che susciti perplessità che, in piena epoca informatica, non si sia in grado di fornire dati non diciamo in tempo reale, forse sarebbe chiedere troppo, ma un tantinino più aggiornati. Ma ricordiamo che per un quadro della situazione fino a pochi giorni fa l’unico centro di raccolta al quale affidarsi era quello promosso dai due studenti ricercatori di Torino. Incredibile ma vero, solo la scorsa settimana è stata emanata la direttiva a tutte le scuole con la richiesta di inviare le informazioni al centro di raccolta. Si, nonostante la gravità della situazione sanitaria e la posta in gioco, la chiusura o meno delle scuole, l’anno scolastico era partito senza che fosse previsto un centro di raccolta dati nazionale relativi ai contagi e alla chiusura delle scuole. Onore ai due studenti ricercatori della scuola. Anche se con un giorno di ritardo, a loro dedichiamo la giornata mondiale degli insegnanti. PS: la ricorrenza era ieri. Lo ricordiamo perché, visto che in molti se ne sono dimenticati, a partire dalla stampa nazionale, la cosa può essere sfuggita ai più.

Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...