Classi di concorso in discipline letterarie: chi accede e con cosa?

Molto spesso accade che l’insegnamento sia un naturale sbocco professionale di una Laurea conseguita in Lettere o Filologia classica o moderna. Oppure accade che trasmettere ad altri la vasta cultura assorbita durante questo percorso universitario sia proprio un obiettivo e un’ambizione di vita per coloro che hanno deciso di intraprendere questo tipo di studi.

Il panorama di classi di concorso a cui si può accedere con queste tipologie di lauree è molto vasto, perciò va da sé che quello umanistico-letterario è uno degli ambiti che, all’interno del mondo dell’insegnamento, offre più possibilità concrete.

Le principali classi di concorso sono:

A-11 Discipline letterarie e latino, per l’insegnamento nei licei dove è previsto, al biennio o al triennio, lo studio della lingua e della letteratura latina;

A-12 Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado, per l’insegnamento dell’italiano, della storia e della geografia in qualsiasi tipo di scuola secondaria;

A-13 Discipline letterarie, latino e greco, mirata all’insegnamento nei licei classici dove lo studio del latino è affiancato a quello del greco;

A-22 Italiano, storia e geografia, nella scuola secondaria di I grado, per diventare docente alla scuola media.

Ogni classe di concorso prevede poi una serie di requisiti curriculari stabiliti dal MIUR, che dipendono: dal tipo di Laurea posseduta (lettere, storia, archeologia, filologia..), se è una Laurea vecchio o nuovo ordinamento (pre o post D.M 509/99), dall’anno di conseguimento del titolo finale. Oltre a ciò, bisogna tenere conto di un altro importante requisito, ovvero l’acquisizione dei 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie didattiche, ormai previsti per ogni aspirante docente che desidera immettersi nelle graduatorie o partecipare a concorsi ordinari.

D’altro canto, sono anche molte le lauree che consentono di inserirsi nella scuola come docente di Lettere, optando per una o più classi di concorso sopra menzionate.

Oltre alle tradizionali Lauree vecchio ordinamento in Lettere, indirizzo classico o moderno, o  alla Laurea magistrale in Filologia classica (LM 15) o Filologia moderna (LM 14) esistono tutta una serie di titoli di studio che consentono di accedere a queste classi di concorso. Andiamo a vederne alcuni:

LM 1 Antropologia culturale ed etnologia

LM 2 Archeologia

LM 5 Archivistica e biblioteconomia

LM 39 Linguistica

LM 84 Scienze storiche

LM 89 Storia dell’arte

Laurea in Filosofia (pre D.M. 509/99)

Laurea in Storia (pre D.M. 509/99)

Sei in possesso di uno di questi titoli di studio, vuoi capire se possiedi o meno tutti i requisiti curricolari previsti e, nell’eventualità, come recuperarli? Contattaci per una valutazione del tuo piano di studi: sapremo indicarti qual è la strada migliore per te per accedere al mondo dell’insegnamento!

www.noidellascuola.it

0758515251

info@noidellascuola.it

Linda Ugolini

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...