Giannelli “Scuole aperte ma ora ci devono dare una task force anti contagi”

Fonte: La Repubblica – 19 ottobre 2020

Giusto riaffermare il valore della didattica in presenza Ma ci mettano in condizione di garantirla.

«È stato riaffermato il valore della didattica in presenza». Per Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, il decreto approvato ieri vede riconosciuto il valore della didattica in presenza. «Ed è un fatto importante, quello che avevamo chiesto. – spiega – La scuola non andava chiusa, perché i focolai dei contagi sono altrove, e non doveva pagare il fatto che altri sistemi non funzionano. Penso ai trasporti pubblici, ma anche alle Asl che stanno avendo tantissime difficoltà a fare diagnosi, tracciamenti e a restituire l’esito dei tamponi in tempi rapidi. Ci sono casi in cui passano anche dieci giorni, nel frattempo si scaricano le decisioni sulla scuola».

Alla domanda se l’ingresso dopo le nove può essere utile, risponde che il provvedimento può andare bene se si risolve il picco delle otto dei trasporti va bene. Ma va tenuto conto delle singole situazioni: può essere giustificata nelle grandi città ma meno nei piccoli centri. Rispetto alle problematiche nella gestione sanitaria dei casi di contagio Giannelli sottolinea che il carico di lavoro è stato sottovalutato e come le Asl siao in difficoltà. Apre invece alla possibilità di ricorrere alla didattica a distanza e a turni pomeridiani alle superiori. «Con gli studenti più grandi si possono adottare forme più flessibili: sia la didattica digitale, che i turni pomeridiani possono essere utili ma quest’ultima strada prevede che si lasci, come mi sembra il premier abbia fatto, decidere alle singole scuole in nome dell’autonomia, garantita dalla Costituzione. Un conto è Roma, dove i trasporti non funzionano, ma se in un piccolo comune del Lazio non ci sono problemi perché devo imporre che lì licei e istituti tecnici e professionali passino al digitale?».

Non teme ordinanze regionali? «Questo è il problema da affrontare: la scuola è statale. Devono decidere i singoli istituti in base alle circostanze territoriali, è impensabile ragionare con la stessa logica per istituti di grandi metropoli e di piccoli paesi». Rispetto alla decisione del governatore della Campania De Luca di chiudere le scuole è critico: «facendo stare a casa i bambini delle medie crei un danno negli apprendimenti, impedisci anche ai genitori di andare a lavorare: ce lo siamo scordato cosa è successo in lockdown? Non devono decidere le Regioni». Le richieste riguardano le nomine dei supplenti e la consegna dei nuovi banchi: «Ci serve poter nominare subito i supplenti e al commissario Arcuri chiediamo quanti banchi ancora devono essere consegnati entro la fine ottobre».

Articoli recenti

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

STUDENTI BOCCIATI IN COMPETENZE DIGITALI

Meno male che per i giovani studenti si parla di “nativi digitali”, perché con la testiera sembra proprio che se la cavino malino. A decretare una sonora bocciatura è Save the Children, che ha recentemente reso noto il risultato di una indagine tra gli adolescenti. Il...

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

Concorso scuola 2024: secondo bando in autunno

L'attenzione di migliaia di aspiranti docenti è già rivolta al secondo concorso scuola 2024, il cui bando dovrebbe arrivare in autunno, al massimo entro ottobre.   Secondo Concorso scuola 2024: PNRR Il secondo Concorso a cattedra 2024 è, nello specifico, l’ultima...

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

DISCIPLINE LETTERARIE NUOVA A-12

Cos’è la classe di concorso A012 La Classe di Concorso A012 permette l’insegnamento delle discipline letterarie, all’interno delle scuole secondarie di I e II grado. La CdC A012, che accorpa le ex A-12 e A-22, è la nuova denominazione unica data...