Nel cantiere scuola vanno istruiti i prof

Fonte: Il Sole 24 Ore – 20 ottobre 2020

Solo il 22% dei docenti sa insegnare a distanza. Il Governo vuole trasformare le aule in laboratori all’avanguardia.

Il Recovery Fund ha due obiettivi alla voce scuola digitale: dotazione informatica delle scuole e formazione dei docenti sul tema della didattica a distanza. Questi sono i due principali punti di debolezza della scuola, venuti alla luce con l’emergenza coronavirus. Di fronte alla nuova emergenza è chiaro che si fa sempre più concreta la prospettiva del ritorno alle lezioni a distanza.

Il quadro della situazione del livello di informatizzazione delle scuole non era tragico, anzi. Secondo i dati raccolti a marzo il 96% degli istituti comunica online con le famiglie, il 94% delle classi impiega il registro elettronico e il 93% delle aule ha una connessione wi-fi e il 91% è dotato di una lavagna interattiva (Lim). Il grande limite è la scarsa sperimentazione e la mancanza di esperienze degli insegnanti. Tutte le statistiche evidenziano la scarsa preparazione circa l’uso delle nuove tecnologie. A fine 2019 meno di uno su due prof delle superiori poteva vantare una competenza corca l’uso degli strumenti digitali. Nell’estate scorsa è stato avviato il programma “Formare al futuro”, che ha coinvolto nel percorso di formazione 8.811 i docenti.

Per l’anno scolastico 2020-2021 si prevede di formare sulla formazione a distanza circa 120.000 docenti. L’obiettivo della ministra Azzolina è trasformare le aule in ambienti di apprendimento innovativi e dotati di strumentazioni all’avanguardia, creando 2.700 “Digital Labs” su tutto il territorio per la formazione del personale. A questo progetto si affiancheranno i piani di aggiornamento professionale ad hoc sulle tecnologiche degli insegnanti, dei dirigenti scolastici e del personale amministrativo. Insomma, di tutto il mondo della scuola. Senza eccezioni.

Abstract articolo di Eugenio Bruno

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...