Ritorno alla Dad, favorevoli 2 studenti su 3. Troppi problemi con ingressi dalle 9 e turni pomeridiani

Fonte: Il Sole 24 Ore – 26 ottobre 2020

È quanto emerge da un sondaggio effettuato dal portale Skuola.net

Per gli studenti delle scuole superiori la didattica a distanza è una soluzione da preferire all’ingresso differito. Piace quindi la linea seguita dalle Regioni che, tra le ipotesi previste dal nuovo Dpcm anti-Covid, stanno optando nella maggioranza dei casi per lasciare a casa i ragazzi più grandi, piuttosto che lavorare sugli orari (e, di riflesso, sui trasporti). Questo il risultato di un sondaggio promosso dal portale Skuola.net tra 3mila alunni di licei, istituti tecnici e professionali, i cui risultati non lasciano dubbi: più di 2 studenti su 3 reagirebbero (o già stanno reagendo) positivamente alla didattica a distanza. Il 37% le preferisce a quelle in presenza, mentre il 30%, pur essendo favorevole alla Dad, auspica che venda alternata ad alcuni giorni di lezione in classe.

I dati dicono che in tantissimi si sono già abituati a alla didattica integrata. Ben il 60% dei ragazzi si stanno dividendo tra aula e casa. Tra questi il 33% alternandosi con i compagni (alcuni vanno in classe, altri seguono da casa), il 27% muovendosi in blocco tra lezioni dal vivo e scuola digitale. Il 70% frequenta un istituto che sin dall’inizio dell’anno ha previsto la didattica a distanza. Quindi il nuovo Dpcm e le ordinanze regionali ne hanno solo accelerato (o imposto) l’adozione.

Molte Regioni non sono propense a far entrare a scuola più tardi gli studenti delle superiori, per evitare l’affollamento sui mezzi pubblici e all’ingresso degli istituti. La maggior parte di loro (il 53%) l’entrata differita significherebbe tornare più tardi a casa o, nell’ipotesi peggiore, sarebbero costretti ad andare a scuola il pomeriggio. L’idea di spostare la prima campanella dopo le 9 non sarebbe comunque risolutiva: gli studenti dovrebbero partire comunque prima da casa perché gli orari dei mezzi non coincidono con quelli di scuola. Problemi li avrebbe anche coloro che vengono accompagnati: per 6 su 10 vorrebbe dire non poter più contare sul passaggio di genitori e parenti. Non piacciono le nuove norme del Dpcm relative alla chiusura anticipata dei locali. Per più di 8 su 10 non produrrà gli effetti sperati e solo al 18% sta facendo passare la voglia di uscire. Il 53% ritiene non efficace anche un coprifuoco generalizzato, anche se per il 47% ridurrebbe la circolazion virus. Divieti mirati nei quartieri della movida per il 62% funzionerebbero meglio.

Spaventa invece l’ipotesi di un nuovo lockdown totale: il 33% confessa infatti che sarebbe impossibile riuscire a restare a casa, mentre il 18% dice che, dopo essere tornato alla vita normale, sarebbe complicato tornare indietro. Più paziente quel 28% che accetterebbe una decisione del genere, ma solo se durasse poco tempo. A conti fatti soltanto il 21% ritiene che rappresenti l’unica vera soluzione per combattere la nuova ondata di contagi.

Abstract di Redazione

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...