Concorso straordinario, altolà al prof di religione

Fonte: Il Sole 24 Ore – 30 ottobre 2020

La procedura concorsuale straordinaria che non contempla l’insegnamento della religione cattolica tra i requisiti è legittima. L’insegnamento della religione cattolica rappresenta infatti un’attività differente rispetto alle altre attività di insegnamento. Il Tar del Lazio con la recente sentenza 10842 del 23 ottobre scorso ha chiarito che il rapporto tra insegnante cosiddetto curriculare e insegnante di religione cattolica non è equiparabile.

Lo svolgimento dell’insegnamento della religione cattolica non è, pertanto, qualificabile come servizio specifico.

La professionalità acquisita rappresenta un fatto differente e ulteriore rispetto all’abilitazione professionale. La distinzione tra i due requisiti e l’inserimento del requisito integrativo dell’esperienza professionale acquisita non lede il principio di ragionevolezza specie in un concorso di carattere “straordinario”. L’esperienza deve essere specifica rispetto alla posizione che il concorrente è destinato ad acquisire attraverso la procedura concorsuale. Non sussistendo tale nesso tra esperienza pregressa e titolo acquisibile cadrebbe la stessa esigenza di prevedere un requisito collegato all’esperienza professionale. Detto in altri termini il requisito dell’esperienza professionale deve essere espressione del bene conseguibile con il concorso.

Inoltre, l’insegnamento di religione è attività distinta da quella curricolare, prevedendo una modalità di svolgimento e di espressione della valutazione dell’alunno diversi da quella curriculare. Ne discende, da un lato, che l’insegnamento della religione cattolica non è qualificabile come attività specifica nel settore di riferimento.

Abstract articolo di Pietro Alessio Palumbo

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...