Il concorso straordinario si ferma ma il 70% ha già svolto le prove A ieri le classi di concorso che hanno già affrontato le prove scritte del concorso straordinario sono in tutto 60 su 114 in calendario

Fonte: Il Sole 24 Ore – 5 novembre 2020

Sono 54 le prove sospese del concorso straordinario della scuola (quasi tutte di classi di concorso con minor numero di posti), il cui ripristino dipenderà dagli sviluppi della pandemia. Si deve comunque aspettare il 3 dicembre, termine di validità del Dpcm, per capire le nuove date delle prove del concorso straordinario. Se si considera che si deve dare avviso 15 giorni prima dello svolgimento delle prove, non potranno essere recuperate prima di Natale. Tra le prove sospese ci sono anche quelle relative al sostegno: 4.069 posti per 1.404 candidati nella secondaria di I grado e 1.600 posti per 1.327 candidati nella secondaria di II grado. A ieri le classi di concorso per le quali sono state espletate le prove sono in tutto 60 su 114 in calendario, con 21.663 posti a bando (cioè 67,7% di tutti i 32mila posti previsti). I candidati iscritti a quelle selezioni erano 48.773, cioè il 75,5% dei 64.563 ammessi, ma il 10-12% non ha partecipato alla prova. I calcoli li fa Tuttoscuola. Secondo i dati del ministero il 70% dei candidati ha già svolto le prove, comprese quelle effettuate nella giornata odierna, che il ministero inizierà subito a correggere. Le correzioni degli scritti possono essere svolte immediatamente, a esclusione, però, di quelle che hanno visto partecipare 500 candidati, per le quali dovranno essere nominate dagli Uffici scolastici regionali le sottocommissioni (una ogni 500 candidati in più presenti alla prova). La prova non  contemplava l’orale e dovrebbe essere quindi possibile decretare i vincitori entro il 1° settembre 2021 (con retrodatazione giuridica al 1° settembre scorso).

Redazione

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...