Scuola e didattica a distanza. Il ministero: «Abbiamo stanziato i fondi per la formazione» Ma sono 8 euro a insegnante

Fonte: Corriere della Sera – 12 novembre 2020

Otto euro e 72 centesimi. Questa la cifra che il ministero dell’Istruzione ha disposto per ogni insegnante per la formazione «del personale scolastico sulla didattica digitale integrata». Lo scrive nero su bianco e su tanto di carta intestata la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina (si suppone che abbia redatto il testo un qualche suo collaboratore) rispondendo ad un’interrogazione di Gabriele Toccafondi, deputato di Italia Viva. Alto aspetto: Le uscite didattiche si possono fare «ordinariamente», non «saltuariamente». Ed ecco il testo zelante inviato dal ministero per spiegare i provvedimenti adottati per aiutare la scuola a distanza: «Già con il decreto Cura Italia una quota pari a 5 milioni di euro è stata destinata specificamente alla formazione del personale sulla Didattica digitale integrata, coinvolgendo 572.888 docenti». E’ chiaro che non tutti parteciperanno ai programmi del ministero, dando così la possibilità a chi organizzerà i corsi per i colleghi di poter disporre di un po’ più di risorse. Del resto al programma «Formare al futuro» organizzato quest’estate non hanno partecipato – si legge sempre nella nota del ministero – più di 8 mila insegnanti. Ma a voler leggere le intenzioni di viale Trastevere per la formazione dei prof, la matematica non inganna: i cinque milioni divisi per i quasi seicentomila insegnanti coinvolti significano meno di dieci euro di formazione. Con dieci euro non si fanno neppure venti minuti di ripetizione.

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...