Scuole chiuse: tornare il 7 gennaio? Azzolina: si riaprirà in modo graduale e per regione

Corriere della Sera – 19 novembre 2020

Il Governo è al lavoro per garantire un ritorno in classe graduale e programmato in base al colore della Regione. Lo ha annunciato la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina intervenendo a Cartabianca. Che ha spiegato: “dobbiamo essere preparati, ci vogliono tamponi e un piano trasporti”. L’ipotesi che tornino le prime e le quinte. Maturità? «Decideremo nei prossimi mesi» Sì, ma quando si tornerà?, si chiedono le famiglie e gli studenti delle superiori. «Le prossime settimane saranno decisive», spiega la ministra. Il fatto è che al ministero cominciano a considerare che la data del 4 dicembre, quando scadono le misure del Dpcm approvato il 3 novembre, sia troppo ravvicinata perché sempre la ministra spiega che per poter riaprire «bisogna che tutto sia ben programmato». Due sono le condizioni: la disponibilità di tamponi rapidi per le scuole e «un nuovo piano dei trasporti che consenta ai presidi di organizzare ulteriori scaglionamenti degli ingressi dove serve».

Il calendario

Oltre che la situazione sanitaria ancora incerta, il problema è che il 4 dicembre è venerdì e subito dopo c’è il ponte dell’Immacolata: riaprire il 9 dicembre, mercoledì per richiudere il 22 (martedì) per Natale, significherebbe portare i ragazzi a scuola per dieci giorni. Azzolina parla addirittura di un ritorno graduale: «Noi da parte nostra dobbiamo programmare e preparare secondo una linea prudenziale. Ma il governo ha interesse a che i ragazzi tornino in classe, lo faremo in modo graduale».

Ritorno per classe

La soluzione potrebbe essere quella del ritorno graduale, e cioè piccoli gruppi o solo le classi iniziali e finali, che avranno a giugno la maturità. Azzolina ha voluto tranquillizzare i maturandi, garantendo che saranno consultati gli studenti sulle decisioni da applicare. Per la prima volta la ministra apre anche all’ipotesi che si possa tornare in modo differenziato da regione a regione a seconda del «colore» sanitario.

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...