Conte promette il tempo pieno in tutte le scuole primarie d’Italia. Ma le famiglie faranno domanda?

Fonte: La Tecnica della Scuola – 25 novembre 2020

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è ben deciso a puntare sul tempo pieno generalizzato nella scuola primaria per agevolare anche l’occupazione dei genitori degli alunni. Il governo sembra quindi avere le idee chiare su come utilizzerà i fondi del Recovery fund: dopo le dichiarazioni relative alla volontà di potenziamento l’edilizia scolastica, la digitalizzazione degli istituti e la cancellazione delle classi pollaio, anche la ministra Lucia Azzolina si è espressa per l’allungamento del tempo scuola. “Dal punto di vista sociale – ha detto il premier alla presentazione del Rapporto Svimez 2020 L’economia e la società del Mezzogiorno – vi sarà una riforma per garantire il tempo pieno su tutto il territorio nazionale che possa dare effettiva possibilità alle famiglie – e soprattutto alle donne – di inserirsi nel mercato del lavoro”. Si tratta di un’idea non certo originale e sinora mai andata in porto. Di certo la volontà di aumentare le ore di scuola, fino almeno alle ore 15.30 – 16.00 dal lunedì al venerdì, per complessive 40 ore settimanali, comporterebbe un incremento non indifferente di docenti e di personale Ata. Lavoratori che, direttamente o indirettamente, beneficerebbero dei fondi che l’Unione europea mette a disposizione dei paesi aderenti per la ripresa post-Covid. Ma gli ostacoli non mancano. Per portare il tempo pieno in tutte le scuole d’Italia oltre a introdurre nuovi maestri ed aumentare gli organici si tratterà di creare delle strutture scolastiche adeguate, per esempio prevedendo la mensa dove oggi non è presente. Le richiesta delle famiglie inoltre è davvero modesta. Con questa realtà si è scontrata l’iniziativa legislativa dei 5 Stelle l’anno scorso, con una buona parte dei 2 mila posti creati in più alla primaria andati persi proprio per questo motivo. Un precedente che dovrebbe servire da esempio.

Abstract articolo di Alessandro Giuliani

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...