Manovra 2020: nella Pa 52mila assunzioni. Vince la scuola con il 60% In arrivo 25mila insegnanti di sostegno

Fonte: Il Sole 24 Ore – 25 dicembre 2020

La manovra 2021 si annuncia doppiamente generosa per la Pa. Oltre ai fondi aggiuntivi per il rinnovo del contratto, ben 400 miomi, – che fa salire la dote a 3,7 miliardi traducendosi in aumento medio di 109 euro lordi per ogni statale – la legge di bilancio definita lunedì scorso dal Consiglio dei ministri e inviata in Parlamento per il varo entro il 31 dicembre significherà 52mila nuove assunzioni negli uffici pubblici, molte delle quali a tempo indeterminato. In testa troviamo la scuola con il 60% degli ingressi preventivati tra prof di sostegno, maestre d’asilo ed ex Lsu. Ma un occhio di riguardo, com’è inevitabile visto l’emergenza covid, è stato riservato alla sanità, settore che vede garantite 37mila proroghe di contratti a tempo determinato. Numeri importanti, specie se valutati alla luce della crisi occupazionale e di fatturato ma giudicati insufficienti dai sindacati, che invocano più risorse e confermano lo sciopero del 9 dicembre. In totale la legge di bilancio per il 2021 prevede 52.121 nuovi ingressi nelle Pa centrali e locali svincolati (e aggiuntivi) rispetto al turnover ordinario. Per questi si fa riferimento a un fondo ad hoc da 35 milioni che salirà gradatamente fino ai 315, a regime, del 2033. Il primato spetta all’istruzione, con oltre 31mila immissioni e stabilizzazioni in rampa di lancio. Il contingente più corposo (25mila) è costituito dagli insegnanti di sostegno. Grazie a un finanziamento specifico che parte da 60 milioni l’anno prossimo e sale via via fino a superare il miliardo nel 2028, tra costi delle 25mila immissioni in ruolo e attribuzione della card formazione da 500 euro a ognuno dei neoassunti. Non tutti avranno una cattedra però già a settembre. Nel 2021/22 ne entreranno in ruolo solo 5mila; altri 11mila nel 2022/23 e gli ultimi 9mila nel 2023/24. Si tratta di vedere se basteranno a evitare il ripetersi dello stesso copione di quest’anno, che vede ancora molti posti rimasti scoperti a metà novembre.

Abstract articolo di Eugenio Bruno

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...