LA SCUOLA AL CENTRO

«Riapriranno prima le scuole o le piste da sci?». Il paragone non regge, viene spiegato fin dal titolo nell’articolo di Tecnica della scuola. Non regge, certo, ma è emblematico della centralità riconosciuta alla scuola e alla formazione in generale al tempo della pandemia. E se si incentra il discorso sulle risorse da mettere in campo per affrontare l’emergenza, ecco che il tema al centro degli interventi è la didattica a distanza, della quale, per citare uno degli ultimi interventi, solo ieri Maurizio Crippa su Il Foglio ha scritto che “la scuola a distanza è aperta e funziona. Il resto è noia”. Apprezziamo anche questa ultima considerazione e la facciamo nostra perché è il caso che si inizi a riconoscere che, se non fosse stato per le lezioni a distanza, l’insegnamento sarebbe semplicemente scomparso. A meno che non si fosse messo a punto un sistema di assegnazione dei compiti e di consegna dei temi attraverso i piccioni viaggiatori. Quando poi si tratta di definire i tempi e i modi del rientro sui banchi, obiettivo naturalmente sacrosanto e che ci auguriamo che diventi realtà quanto prima, inevitabilmente si è chiamati a ruota a fare i conti con tutti i principali settori delle strutture economiche del paese. Basti pensare alla questione dei trasporti o, per l’aspetto sanitario, della problematica legata ai sistemi di rilevamento dei contagi e del tracciamento. Non a caso di questo si stà discutendo all’indomani dell’incontro tenutosi ieri tra il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina e i sindaci per definire la gestione della riapertura delle scuole, al momento prevista per il 9 dicembre. Più facile a dirsi che a farsi, hanno fatto notare i sindaci, se non si potenziano i trasporti per garantire lo scaglionamento degli ingressi e se non si danno disposizioni certe ai poveri presidi per poter gestire positivi e quarantene. Ma intanto se possiamo contare su una notizia positiva rispetto alla ripresa occupazionale ed economica è grazie al piano di assunzione degli insegnanti e degli investimenti per l’edilizia scolastica e gli strumenti digitali. Insomma anche la ripresa ruoterà attorno al mondo della scuola e della formazione e grazie alle nuove modalità di insegnamento a distanza  la possibilità di vedere un po’ di luce in fondo al tunnel è più vicina.

Alberto Barelli

 

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...