Scuola primaria, addio ai voti. valutazione in quattro livelli

Fonte: la Repubblica 27 novembre 2020

Addio ai voti nelle pagelle della scuola elementare. Vedremo scritto sulle pagelle soltanto “Avanzato”, “Intermedio”, “Base” e “In via di prima acquisizione”. Per il ministero il percorso di apprendimento sarà più chiaro ma il sindaco punta i piedi contro decisioni ad anno scolastico iniziato. Con l’ordinanza appena annunciata dalla ministra Lucia Azzolina anche nella prossima pagella, quella del primo quadrimestre o del trimestre, la valutazione dei bambini che frequentano la scuola primaria verrà espressa attraverso “giudizi descrittivi”. E i voti andranno definitivamente in soffitta, sostituiti dai quattro livelli previsti. La novità, contenuta nel decreto scuola dello scorso mese di giugno, diventa in questo modo operativa a tutti gli effetti. Ma i sindacati lamentano la maniera di procedere della politica che interviene sulla scuola ad anno scolastico iniziato. Il prossimo passo è che la bozza di ordinanza, presentata ieri ai sindacati, riceva il parere del  Consiglio superiore della pubblica istruzione (Cspi). “La recente normativa – spiegano da viale Trastevere – ha infatti individuato un impianto valutativo che supera il voto numerico e introduce il giudizio descrittivo per ciascuna delle discipline previste dalle Indicazioni nazionali per il curricolo, Educazione civica compresa. Un cambiamento che ha lo scopo di far sì che la valutazione degli alunni sia sempre più trasparente e coerente con il percorso di apprendimento di ciascuno”. La norma prevede che il docente possa impiegare i voti per gli alunni delle scuole elementari, traducendoe il tutto successivamente in giudizi descrittivi per le pagelle intermedie e finali. L’alternanza tra voti e giudizi ha origini antiche. Per la prima volta i voti in decimi vennero sostituiti da giudizi all’elementare nel 1977, con la legge 517. L’inquilino di viale Trastevere era il democristiano Franco Maria Malfatti mentre a Palazzo Chigi si era sistemato Giulio Andreotti che presiedeva il suo terzo governo. Con la legge 517, vennero abolite le classi differenziali per gli alunni svantaggiati, e la scuola italiana fece un balzo in avanti in termini di integrazione. Nel 2008, i voti in pagella alla primaria vennero ripristinati dall’allora ministra dell’Istruzione Mariastella Gelmini e oggi si ritorna ai giudizi. I bambini di livello Avanzato saranno quelli più bravi, da 9 o 10 nei compiti e nelle verifiche orali. I compagni collocati nel livello Intermedio saranno da 7/8 e dovranno perfezionare il loro metodo di studio per salire al livello successivo. La sufficienza è posta a livello base, mentre i bambini che devono ancora colmare le loro lacune (quelli insufficienti) verranno giudicati “In via di prima acquisizione”.

Abstract articolo di Salvo Intravaia

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...