Nuovo DPCM, giornata chiave. Il Governo incontra le Regioni: tutti gli ultimi aggiornamenti

Fonte: orizzontescuola.it – 1 dicembre 2020

Giornata chiave per il prossimo DPCM, con un vertice tra Governo e Regioni sul nuovo provvedimento governativo da emanare con le misure per Natale. Il provvedimento dovrà essere approvato il 4 dicembre per regolamentare le festività. Il premier Giuseppe Conte e il ministro della Salute Roberto Speranza, con il ministro Federico D’Incà, incontreranno i capigruppo di maggioranza in vista del nuovo Dpcm con le misure di contrasto al contagio da Covid-19. Questi i punti al centro del confronto. Il provvedimento riguarderà il coprifuoco notturno, che verrà probabilmente allungato alle 6, mentre lo stop allo spostamento tra Regioni interesserà anche quelle in zona gialla. Impossibile, dunque, raggiungere le seconde case fuori Regione dopo l’inizio del periodo natalizio, mentre sarà sempre garantito il rientro alla propria residenza o domicilio. Per la cena del 24 e il pranzo di Natale si raccomanda di festeggiare solo con i conviventi, mentre il 25 e il 26 dicembre i ristoranti rimarranno chiusi anche nelle zone gialle. Vietato ogni tipo di festa in locali pubblici o privati, con i sindaci che potranno chiudere strade o piazze se lo riterranno opportuno. Attesa anche per le disposizioni per la messa di Natale. La riapertura delle scuole superiori sarà quasi certamente rimandata al 7 gennaio, sembra sempre più difficile pensare che le scuole superiori possano ripartire la prossima settimana per poi fermarsi di nuovo per Natale. Le scuole medie resteranno in presenza fino alla terza media in zona gialla e arancione, fino in prima invece in zona rossa. La novità dell’ultim’ora è la presenza dei prefetti che dovranno mettere d’accordo le aziende di trasporto locali, dirigenti scolastici e sindaci, affinché i rientri a scuola  siano gestiti evitando assembramenti al suono della campanella sì, ma anche sui mezzi di trasporto pubblici, dunque bus, tram e  metropolitane. In sede di conferenza dei servizi il prefetto in accordo con il provveditore scolastico, il sindaco e le aziende di Tpl decideranno in ogni provincia anche lo scaglionamento di orari di entrata e di uscita dalle scuole.

Abstract articolo di redazione

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...