Trasporti, ci pensano i prefetti Verso il nuovo dpcm. La Azzolina vuole un tavolo con Regioni e Comuni insieme alla Salute

Fonte: ItaliaOggi – 1 dicembre 2020

Il Ministro Azzolina non vuol sentir parlare di un nuovo piano per la riapertura in presenza anche delle scuole superiori: questo perché il piano c’è, è sempre lo stesso ma il problema è che non è stato da tutti attuato. Il piano avrebbe permesso di riaprire le scuole in sicurezza, a partire dagli scaglionamenti degli ingressi, per i quali dovevano scendere in campo gli enti locali per la riorganizzazione delle corse, all’introduzione dei test rapidi in caso di presunte infezioni da Covid. Il 7 gennaio per il ministero è questo il piano che va attuato per riaprire le scuole senza doverle poi richiudere. La novità nel dpcm che sarà promulgato venerdì è che scenderanno in campo i prefetti, che avranno il compito di fare raggiungere l’accordo tra enti locali e scuole per l’organizzazione dei trasporti urbani per consentire gli ingressi scaglionati. Le scuole dovranno dilatare ulteriormente gli orari di ingresso e uscita, mentre le aziende di trasporto incrementare le corse. (…). Tra le disposizioni che si attende vengano confermate quella sull’uso obbligatorio della mascherina durante la permanenza in classe, oltre che nei locali della scuola, anche per gli studenti che abbiano più di sei anni. Il solo distanziamento, quando i tassi di Rt erano in crescita, era stato valutato non sufficiente a evitare il contagio. La norma dovrebbe essere prorogata, chiedono alcuni esperti, a maggior ragione ora che si ritorna tutti al 100% in presenza alle superiori.Che non è una certezza. Tornare tutti in classe per il 100% delle lezioni resta infatti un obiettivo. Intanto la ministra dell’istruzione si sta adoperando per costituire un tavolo di cofronto Regioni, Comuni e Salute per risolvere anche i nodi dei test rapidi e delle procedure di quarantena e certificazione per la riammissione a scuola. Protocolli, tempi e modalità che spesso divergono sul territorio tra i vari dipartimenti di prevenzione.

Abstract articolo di Alessandra Ricciardi

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...