CLIL ed L2, CAMPIONI DI PUNTEGGIO

Alunni di madrelingua diversa dall’italiano, classi poliglotte sono sempre più la normalità nella scuola italiana. Per questo CLIL e L2 sono percorsi formativi molto qualificanti per chi voglia proporsi in ogni ordine e grado: dalla primaria alla secondaria di secondo grado. Per questo le tabelle ministeriali li premiano in punteggio rispetto altri master e corsi di perfezionamento. Come ci spiega il Ministero, “Il termine CLIL è l’acronimo di Content and Language Integrated Learning. Si tratta di una metodologia che prevede l’insegnamento di contenuti in lingua straniera. Ciò favorisce sia l’acquisizione di contenuti disciplinari sia l’apprendimento della lingua straniera”. Il titolo del CLIL è l’acronimo di Content and Language Integrated Learning. Si tratta di una metodologia che prevede l’insegnamento di contenuti in lingua straniera. Conseguito attraverso un corso o diploma di perfezionamento da almeno 60 CFU con esame finale associato alla certificazione B2 per la scuola secondaria vale 3 punti. Ai tre punti del CLIL poi saranno aggiunti i 3 punti che la tabella ministeriale attribuisce al livello B2. Ma lavorando in prospettiva il consiglio è conseguire il C1 o il C2. E’ questo il livello, chiesto in combinazione con il CLIL, nella tabella del concorso docenti prossimo venturo, affinchè il titolo frutti 1,5 punti.

Riassumendo: SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

Graduatorie: CLIL + B2 > 6 PUNTI

CLIL + C1 > 7 PUNTI

Concorso:CLIL +C1 >2,5 PUNTI

CLIL +C2 >3,5

Noidella scuola E Campus ha introdotto nella sua offerta formativa un pacchetto che permette di conseguire l’uno e l’altro titolo attraverso il master da 60 CFU con esame finale NUOVA DIDATTICA PER LE LINGUE: MULTIMODALE, FLIPPED LEARNING E CLIL e la certificazione linguistica B2 PTE, Pearson Test of English, riconosciuto dal MIUR. Il lato positivo di questo percorso è una durata nel suo complesso circoscritta associata ad una bassa soglia di accesso economico rispetto ad offerte formative che implicano tempi da titolo triennale e un investimento di risorse oneroso. (rd)

Qual è la differenza tra CLIL e L2?

L2, che significa Seconda lingua, invece è incentrato sulla didattica interculturale e sulla didattica dell’italiano come seconda lingua

Le tabelle ministeriali dei punteggi sia per il concorso docenti che per le graduatorie di agosto attribuivano un 1,5 contro lo 0,5 dei master e anche nelle tabelle per il concorso.

Questa premialità la dice lunga su quanto possa risultare strategico ai fini dell’attribuzione sia delle cattedre che delle supplenze avere una specialistica in Didattica della lingua italiana come seconda lingua. Noidellascuola E Campus risponde con il master di 1 livello universitario Didattica della lingua italiana come seconda lingua a questa domanda formativa, permettendo ai partecipanti di acquisire una preparazione specifica nell’ambito della didattica interculturale e della didattica dell’italiano come seconda lingua. Il master è FULL ON LINE con piattaforma informatica, gli esami scritti in tutte le 12 sedi polo di E Campus e tirocinio opzionale. I requisiti di ammissione: Laurea triennale, magistrale o specialistica. A chi è rivolto? Il Master “Didattica della Lingua Italiana come Seconda Lingua (L2)” è rivolto a facilitatori linguistici nella scuola dell’obbligo, insegnanti di italiano (presso enti locali, aziende, organizzazioni legate al mondo del lavoro, associazioni), collaboratori ed esperti di lingua presso centri linguistici, lettori presso Istituti Italiani e Università Straniere.

Per conoscere il Piano studio e le possibilità di impiego nei contesti lavorativi, chiama Noidellascuola.

Email info@noidellascuola.it

Telefono 07586515251

Redazione

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...