A scuola fino a luglio e lezioni di sabato: il piano del governo

Fonte: Il Messaggero – 7 dicembre 2020

Il progetto, nelle mani del governo, è stato già proposto alle Regioni visto che sono loro ad avere la competenza sul calendario scolastico Nell’anno della pandemia il calendario scolastico potrebbe essere stravolto fino alla fine: per recuperare le lezioni perse si potranno protrarre le lezioni  anche per tutta l’estate, per permettere di recuperare le lezioni perse. In concreto si sta lavorando a fare restare aperta la scuola fino al 30 giugno. Molte scuole hanno iniziato le lezioni anche con due settimane di ritardo,  altri istituti sono stati chiusi per quarantena e altri hanno dovuto adottare le lezioni da 45 minuti. Un calendario e un orario dettati, quindi, dall’emergenza sanitaria. E allora sarà così anche per l’ultima campanella. L’ipotesi allora è di permettere alle scuole di restare aperte anche nel periodo estivo. Il progetto, nelle mani del governo, è stato già proposto alle Regioni. La ministra all’istruzione Lucia Azzolina, ieri, a l’Aria di domenica su La7 è stata chiara: “Lo abbiamo proposto alle Regioni, perché saranno loro a dover decidere. Certo, dobbiamo pensare alle strutture che abbiamo: ad agosto non si può fare scuola ma a giugno sì”. Pere le lezioni in classe si deve fare i conti con gli istituti sprovvisti di aria condizionata nelle aule: basti pensare alle regioni del Sud come la Sicilia o la Puglia dove le temperature estive sono decisamente elevate, per capire che la concentrazione tra i banchi verrebbe meno. In questi casi è difficile che si possa andare oltre l’inizio del mese di luglio. Inoltre tenere aperte le scuole la Domenica significherebbe andare contro le abitudini famigliari. Dovrà partire ora un confronto con le Regioni e i sindacati da cui, comunque, arriva un primo via libera: «Ho proposto da tempo di andare avanti per tutto il mese di giugno – sottolinea Pino Turi, segretario della Uil scuola – di fronte ad un pericolo grande come questo che stiamo vivendo, servono azioni straordinarie: non ritengo sia sbagliato modificare il calendario scolastico per recuperare il vero diritto allo studio. Le lezioni di solito si chiudono i primi di giugno, intorno al 10 in base ai calendari regionali, ma il personale va a scuola fino al 30 giugno: si potrebbe fare lezione fino a quella data. Servono comunque decisioni uguali per tutti, poi penseremo anche al rinnovo del contratto e a come sta cambiando il ruolo del docente in questa fase, a cominciare dallo strumento della didattica a distanza». Di certo sarà necessario un tavolo di confronto sarà necessario per capire anche come le Regioni potrebbero organizzare l’allungamento delle lezioni nel periodo estivo e per individuare le necessità concrete: «Teniamo presente che – spiega Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi di Roma e del Lazio – nel mese di giugno i docenti delle scuole medie sono impegnati con gli esami di terza media, nei locali scolastici, e lo stesso vale ovviamente per le superiori che con gli esami di maturità vedono impegnati i docenti e le aule anche fino a metà luglio. Quindi sarà necessario vedere quanti docenti si metteranno a disposizione su base volontaria e di quanti docenti aggiuntivi si avrà bisogno, tra i precari».

Abstract articolo di Lorena Loiacono

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...