GRADUATORIA PERSONALE ATA: OCCHIO AGLI ERRORI

Riapertura delle graduatorie del personale ATA ormai imminente ma attenzione agli errori. Si rischia infatti il licenziamento. E’ attesa per  i prossimi giorni la pubblicazione del Bando da parte del Miur e sapremo presto la data a partire dalla quale sarà possibile inserirsi in graduatoria, oppure aggiornare il proprio punteggio. Si potrà inoltre anche indicare una diversa provincia. La prospettiva di vedere accolta la propria richiesta potrebbe però risolversi in una doccia fredda, se dovessero risultare imprecisioni circa i dati comunicati. Se in teoria il controllo dei titoli avviene in fase di formulazione delle graduatorie, durante la quale è prevista la possibilità di ricorrere in caso di registrazione di un punteggio sbagliato, la convalida vera e propria avviene al momento della prima supplenza. Il dirigente scolastico è chiamato infatti a effettuare i controlli, che dovranno riguardare l’intera situazione. Gli errori possono riguardare il punteggio dichiarato ma ancora più grave è l’indicazione di un titolo di accesso errato. In questo caso l’assegnazione dell’incarico si risolve in un nulla di fatto. Attenzione quindi a non commettere errori o imprecisioni. Per chi si iscriverà per la prima volta si tratta anche di informarsi sulle modalità di convocazione e in merito alle norme previste per esempio per la rinuncia all’incarico, che ovviamente deve essere motivato, per non andare incontro alle sanzioni previste. Attenzione insomma che il tanto agognato momento di ingresso nel mondo della scuola non si traduca nel dover affrontare una serie di grattacapi. Non si tratta soltanto di fornire informazioni esatte ma di controllare che tutto sia stato registrato alla perfezione. L’esperienza ci insegna che trovarsi di fronte alla registrazione di dati sbagliati sia una possibilità tutt’altro che rara. Insomma, vigilare è la parola d’ordine.

Al. Ba.

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...