Con la Didattica a distanza niente lezioni per 70 mila studenti disabili Per l’Istat il 23% dei 300 mila alunni ha perso il diritto allo studio e non ha potuto partecipare alla didattica a distanza obbligatoria dal nove aprile all’otto giugno

Fonte: il manifesto – 10 dicembre 2020

Niente didattica a distanza per settantamila studenti disabili dei quasi 300 mila che hanno frequentato la scuola italiana durante il primo lockdown totale della scuola. Il dato emerge dal rapporto “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità” pubblicato ieri dall’Istat, secondo  il quale al 23% di questi studenti è stato negato a causa delle politiche reputate necessarie per contenere la diffusione del Covid. Consapevole dei danni psicologici, sociali e formativi enormi causati il governo ha previsto la frequenza degli alunni disabili nella seconda chiusura delle superiori messe in Dad dal 4 novembre scorso. Da allora le classi sono aperte e gli insegnanti di sostegno seguono le attività. L’iniziativa ha sollevato perplessità e critiche. Nei primi due mesi di Dad la situazione è peggiorata nelle regioni del Mezzogiorno, mentre le regioni del Centro si distinguono per la più bassa percentuale di studenti esclusi (5%), la metà del dato delle regioni del Sud. Tra le cause la mancanza di strumenti tecnologici e la mancanza di ausili didattici specifici. Le difficoltà di carattere tecnico e organizzativo, la carenza di strumenti e di supporto adeguati e alle difficoltà d’interazione, l’origine sociale e la condizione economica delle famiglie hanno pesato nell’esclusione di questi studenti dal loro diritto e ha interrotto i percorsi didattici intrapresi da molti docenti. L’obiettivo dell’inclusione e della socializzazione è stato, in questi casi, compromesso. Va anche raccontata la realtà delle condizioni di lavoro in cui si trovano gli insegnanti di sostegno., tra i quali il numero di quelli specializzati è ancora insufficiente. (…) Tra gli assistenti risulta poco diffusa la conoscenza della lingua dei segni (LIS). Una scuola su quattro non ha postazioni informatiche adeguate alle esigenze degli alunni con disabilità e questo è il nodo da affrontare soprattutto al sud.

Abstract articolo di Mario Pierro

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...